Colonia Italia, l’occupazione americana continua

Alla luce delle violenze che continuano a macchiare le cronache libiche con tragica regolarità (solo ieri un’autobomba scoppiata vicino all’ospedale di Bengasi ha fatto 15 morti), l’Amministrazione americana del premio Nobel per la pace orwelliana Barack Obama ha pensato bene di spostare 500 marines dalla Spagna alla provincia di Siracura, a Sigonella, con l’obiettivo di intervenire più rapidamente nel caso di nuovi attacchi in Libia. La decisione, annunciata dal Pentagono, segue a stretto contatto l’attacco dell’11 settembre 2012 al consolato della stessa Bengasi, in cui persero la vita l’ambasciatore Stevens e tre membri del suo staff. Così che da gennaio 50 marines proteggono l’ambasciata americana a Tripoli! Da premettere che l’importanza della Libia nel contesto regionale è stata ampiamente sottovalutata dai “buoni” liberatori già prima dell’intervento “umanitario”. Poi, una volta cacciato il “cattivo” Gheddafi, ci si è concentrati su Tripoli, dimenticando Bengasi – la chiave della stabilità libica – la capitale della Cirenaica, la regione che custodisce la maggior parte delle risorse petrolifere. Ma adesso è una città senza ordine né legge. Lo spostamento a Sigonella, che ospita anche droni Global Hawk e Reaper ed è sempre più il fulcro delle operazioni Usa nel sud del Mediterraneo, rientra in una serie di misure per rafforzare la sicurezza degli americani in Libia: un portavoce del Dipartimento di difesa, George Little, ha annunciato che l’unità trasferita a Sigonella, dotata degli aerei da trasporto V-22 Osprey, sarà in grado di intervenire con rapidità ed eventualmente evacuare i cittadini americani “nel caso in cui la situazione in Libia dovesse peggiorare”. Omettendo però di dire che questi interventi fanno parte di un piano più generale di Washington, dettato dal crescente interesse verso l’Africa. Come d’altronde – ed è dal 1945 che accade – che i “liberatori” Usa facciano manovre militari di qualunque tipo sul nostro territorio senza che le nostre istituzioni siano informati preventivamente. Ma il trasferimento a Sigonella di ”200 marines di rafforzamento” avverrà ”secondo quanto previsto da accordi bilaterali” con gli Usa. Lo ha ribadito il ministro degli Esteri, l’ultrasionista radicaloide Emma Bonino, davanti alle Commissioni Esteri: a Sigonella saranno trasferiti 200 marines Usa, ”75 prima, 125 poi, e due aerei”. Si tratta ha aggiunto di ”un rafforzamento per la sicurezza del personale americano in Libia o per possibili evacuazioni”. È affatto vano pertanto lacerarsi le vesti per il declino del BelPaese, se non si prende atto che non è l’Italia ma la “colonia Italia” che rischia il declino. Una parola per tutto l’atteggiamento degli Americani nei nostri confronti: Cermis. E fino a quando il popolo italiano non si renderà conto di questo e non cercherà di porvi rimedio, continuerà ad essere “regolarmente” sconfitto e umiliato in casa propria.

Advertisements

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.