Il valore aggiunto della moneta complementare

Lettere al blog. Giriamo ai lettori del blog la mail di Maurizio Settembre da Sesto San Giovanni (MI), che scrive: Sommario: 1. Tappe fondamentali dell’articolo; Ripristinare il potere d’acquisto, ridurre la competizione tra i cittadini, aumentare i fatturati, rilanciare le economie locali, ridurre l’import; 2. Scelta dell’argomento; Paracadute pre-post default di uno stato, evita che banche e grande distribuzione trasferiscano le nostre risorse. Le banche drenano risorse e le investono dove rendono di più Cina ed India. La grande distribuzione ha fornitori in tutto il Mondo. Le moneta complementare (SCEC) viaggia insieme all’euro tra il (10-30%); 3. Metodologia individuata; Sensibilizzarsi per sensibilizzare tutti a questa opportunità economica. Sperimentazione personale della moneta complementare SCEC; 4. Risultati ottenuti; Ripristino della liquidità dei cittadini e operatori economici (aumento del giro d’affari). La moneta SCEC è spendibile solo sul territorio ove è “presente”, agendo come muro alla sua fuga per l’Oriente. Riduce l’import e spinge i prodotti locali, aumenta il potere d’acquisto, riduce il disagio locale. Esistono 5000 monete locali nel Mondo, 700 in Giappone e 23 in Germania, WIR Svizzera, in Italia almeno 5 tra cui lo SCEC.

«Nessun dovere è più imperativo per il Governo quello che ha nei confronti della popolazione di fornirla con una valuta solida ed uniforme e di regolare la circolazione del mezzo di scambio in modo che il lavoro sia protetto contro una valuta viziata ed il commercio sia facilitato da scambi sicuri ed economici. Il popolo può e sarà fornito di una valuta sicura quanto il proprio Governo. La moneta cesserà di essere la padrona e diventerà la serva dell’Umanità. La Democrazia diventerà superiore al potere dei soldi»

La politica monetaria di Abramo Lincoln. Estratto dalla pagina 91 del documento del Senato n.23 (1865).

moneta_locale_SCEC

La moneta complementare (locale) è un mezzo per sviluppare la fiducia e coesione sociale. Un patto tra famiglie ed imprese per trattenere e far circolare la ricchezza nel proprio territorio, attraverso un semplice atto di solidarietà, come la riduzione del prezzo, “si aiuta tutta la comunità, aiutando se stessi”. Viaggia insieme alla valuta ufficiale, formalmente uno sconto, sostanzialmente una moneta. È emessa in accredito (gratis, salvo una oblazione volontaria), non è imputabile dal punto di vista fiscale, perché è uno sconto che ha lo scopo di aumentare il potere d’acquisto ed il fatturato dell’operatore che l’accetta. L’operatore economico cha accetta la moneta complementare a sua volta la spende presso altri negozi convenzionati.

Inizialmente sono erogati 100,00 euro in SCEC, la parità è 1 euro = 1 SCEC; SCEC (sconto che cammina) ha lo scopo di trattenere la valuta nel territorio locale e rilanciare l’economia locale, ridurre l’import, creando un muro sull’economia locale. Fidelizza i clienti, gli operatori economici che accettano la moneta locale ricevono pubblicità gratuita. Le banche trasferiscono i nostri risparmi, polizze vita, pensioni vita in Oriente dove il capitale rende moltissimo, si stima che il 70% del capitale libero nel Mondo vada in Oriente e questo crea un impoverimento nell’Occidente a favore dell’Oriente, una banca che sta adottando codesta politica di trasferimento delle risorse è Unicredit. Idem la grande distribuzione con i fornitori in tutto il Mondo, quando gli portiamo contanti lì trasferiscono dall’altra parte del Mondo danneggiando le economie locali, infatti non hanno interesse ad una moneta complementare, perché sono globali.

Lo SCEC si accetta nella percentuale tra il 10-30%, riduce la competizione tra i cittadini e riduce il debito pubblico che in origine non esiste, in realtà è un credito pubblico. Inoltre con “sovranità monetaria” ci sarebbe piena occupazione. Lo Stato privato della sua moneta si indebita per fornire servizi, non si affronta la sostanza del problema! La moneta deve essere uno strumento di prosperità, la moneta deve essere accreditata (emessa) in funzione dell’aspetto demografico e dei beni reali. La moneta misura il valore dei beni è solo un mezzo di scambio, oggi è un fine e si rischia l’emarginazione. Con la proprietà della moneta scompare il debito pubblico; la democrazia nasce dal denaro. L’unico modo per riformare il sistema, deve partire dal basso, perché non accade? i politici fanno solo ciò che la gente capisce…

Altri esempi di moneta complementare sono: i ticket restaurant; conto fedeltà nei supermercati aggregato all’euro. Il tasso d’interesse decide se produrre qualcosa è economico oppure no e perciò i politici parlano di crescita economica. Tuttavia, esistono tre tipologie di crescita: esponenziale; lineare e naturale. La crescita esponenziale ad esempio la popolazione, l’interesse (moltiplicazione è più veloce). Lineare (lenta è una somma) più carbone produce più energia (locomotiva), naturale il corpo umano cresce fino a 21 anni. Le monete complementari valorizzano le risorse, lavoro e produzione, perché non generano interessi, generano nuova ricchezza incentivando gli scambi. Quello che metto in discussione dell’euro sono le condizioni d’emissioni è una moneta tarata per le speculazioni finanziarie e competizione tra i cittadini ed è emessa in addebito (prestito) al costo del 200% escluso interessi ed accessori, la grande usura organizzata prende forma. Una moneta passiva in cui il default è intrinseco in essa, favorisce esclusivamente l’economia finanziaria. La moneta è stata una delle invenzioni più geniali dell’Umanità, ma al tempo stesso una delle più pericolose. L’interesse sta distruggendo la società e l’ecosistema. La moneta complementare blocca la globalizzazione…

L’Argentina post-default 3 milioni persone usarono la moneta complementare. [1] In otto ore di scambi telematici (speculazioni) si scambia denaro che risulta maggiore di tutte le riserve aurea del Mondo. Solo il 3% del denaro è destinato all’economia reale dal ’70 ad oggi. [2] Obiettivi delle monete complementari:

1. Recuperare l’identità regionale, aumenta i legami tra le persone, valorizza il lavoro e le persone;

2. Evita la globalizzazione.

La difesa è la conoscenza e la diffusione. Il I investimento è la conoscenza.

Se vuoi renderti conto del valore del denaro, prova a chiedere un prestito.

Benjamin Franklin (1706-1790)

Dato che la politica ha fallito ed è complice di questo sistema, siamo noi che dobbiamo fornire delle analisi e idee per far sì che abbia inizio un cambiamento dal basso.

Potete ingannare tutti per un pò. Potete ingannare qualcuno per sempre. Ma non potete ingannare tutti per sempre.

Abramo Lincoln

Gloriosa memoria di Abramo Lincoln in risposta ai banchieri che osteggiavano la “moneta pubblica”.

…Il potere del denaro depreda le nazioni in tempo di pace e cospira contro di essa in tempi di avversità.

Riflessione di Abramo Lincoln

Una società, famiglia collaborativa è molto più efficace ed efficiente di una società competitiva.

da Maurizio Settembre, Sesto San Giovanni (MI)
MAIL: maurizio.settembre@teletu.it


[1] n.d.a. Durante la Crisi Economica del ’29, si adottò in alcune località il baratto e la moneta complementare (stampigliata come la definì Irving Fisher, data la scarsa liquidità nel sistema economico). Fu adottata ad Hawardem, Iowa nel ’33, non funzionò perché tassava il trasferimento della proprietà della moneta, invece doveva tassare il trattenimento della moneta per scopi speculativi. Irving Fisher, nel suo libro Boom and Depression analizza codesta fattispecie.

[2] http://www.progettoscec.com/ data visita febbraio 2009

http://www.chiemgauer.info/ data visita aprile 2010 l’esperienza del Chiemgauer

Yuotube tag: Magrit Kennedy: monete complementari per uno sviluppo sostenibile 1/3

Yuotube tag: Rebus – Signoraggio Bancario

Yuotube tag: Il diario del saccheggio di Salinas

Yuotube, tag: Il caso Worgl (cittadina austriaca durante la Crisi Economica del ’29)

Yuotube, tag: Ithaca Hours (cittadina che dista 400 Km da New York, che nel ’91 ha adottato una moneta locale).

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.