Il grande bluff

Alla vigilia del Consiglio europeo paludati commenti degli “autorevoli” disinformatori nostrani dichiaravano l’esistenza di una “linea dura” del governo uccidi-lavoro retto da Mr. Monti. Niente Tobin Tax senza sostegno alle economie più deboli e puntelli al pagamento “comune” degli interessi sui debiti pubblici. Già nella forma, tale proclama era viziato dal noto – chissà perché soltanto a noi… – peccato originale: privi, come siamo, di sovranità – monetaria e finanziaria, economica e sociale, militare e politica – l’Italia è soltanto una piuma soggetta ad ogni alito di vento. Come gran parte dell’Europa, d’altra parte, ma non è una consolazione. Nella sostanza, poi, il proclama lasciava intendere che il governo delle banche imposto a Roma avrebbe mostrato i muscoli e “imposto” una soluzione alla “cattiva Germania” che – chissà perché – non vuole pagare i debiti d’usura altrui allegramente contratti, esempio italiota, dai vari “governi tecnici” che dallo scandaloso Amato in poi si sono susseguiti al timone di Palazzo Chigi. Quindi: cosa si poteva mai attendere un governo “in delega” come quello che governa il Paese nel tunnel dei cannoneggiamenti di una speculazione finanziaria voluta dagli stessi Signori del denaro che hanno catapultato un loro uomo alla guida del Palazzo?

Il “Vertice”? Tutti concordi e divisi
da Ugo Gaudenzi, direttore RINASCITA

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.