G20, la road map dell’usura

Passato l’effetto elezioni in Grecia, e con esso l’ottimismo palesato dal curatore fallimentare Mario Monti in gita organizzata a Los Cabos, in Messico, dove si sono aperti ufficialmente i lavori del G20: “Mi rallegro molto per il risultato del voto greco che è anche un grande segnale per l’Europa. Ora speriamo che venga formato al più presto un governo forte in grado di rispettare gli impegni con l’Ue”. “Il voto in Grecia – ha poi proseguito – ci consente di avere una visione serena sul futuro dell’Europa e dell’euro. Anche in condizioni difficili il popolo greco ha capito l’importanza del valore della Ue” -, l’attacco della speculazione ai titoli di Stato italiani e spagnoli torna prepotentemente sulla scena del crimine mercatista dove le Borse europee hanno segnato drastiche inversioni di rotta, mentre si riaccendevano i timori sulla Spagna, le cui banche e titoli di Stato sono tornati ad esser bersagliati da pesanti vendite: Madrid (-2,96%) è maglia nera d’Europa, segue Milano (-2,85%). Ad affossare il listino milanese ci ha pensato il famigerato spread tra i Btp decennali e i Bund tedeschi, che, in giornata, ha toccato un massimo di 460 punti. Sfumato quindi in un soffio l’infusione di ottimismo arrivata col voto greco, il premier abusivo Monti ha anche detto che i mercati non sono convinti che basti solo il voto in Grecia ma serve una maggiore integrazione: “Tutti dobbiamo andare avanti in questa direzione per superare i ‘vizi di origine‘ della formazione europea. Nessuno pensa che l’Ue sia l’unica fonte del problema della crisi che ha avuto origine da squilibri in altri Paesi tra cui gli Usa che sono stati tra i protagonisti”, ha aggiunto sgranocchiando i pop corn rubati all’aeroporto alle figlie di Obama. Atene, così come le stesse Roma e Madrid, da tempo sono finite nel mirino degli speculatori finanziari. Ora che però all’ombra del Partenone si è scelto di sostenere le misure antidefault imposte da Bruxelles, l’usurocrazia europea potrebbe presto finire di divorare anche le ultime briciole del già grasso banchetto. Ecco quindi che l’Europa si dirà d’accordo ad assumere “tutte le misure necessarie” per mantenere la zona euro stabile e intatta. I paesi europei recentemente hanno offerto alla Spagna un “piano di salvataggio” da 100 miliardi di euro per le sue banche, aggiungendo timori tra alcuni investitori che il costo del salvataggio possa aggravare la crisi europea del debito sovrano. L’ordine imperativo imposto dagli sciacalli di Bruxelles ed il conseguente obbligo di inserire in Costituzione il cosiddetto pareggio di bilancio, cioè imporre una nuova costituzione economica che comporti la cancellazione dello Stato Sociale, è già stato eseguito dalla maggior parte dei politici cioè dei camerieri dei banchieri. Italia inclusa. Ora l’indice è puntato al “Fiscal Compact”: si chiama così il patto tra i vampiri delle finanze Ue, chiesto esplicitamente dal maggiordomo della BCE, Mario Draghi, nel suo discorso al Parlamento Europeo. Siamo arrivati al punto che ora i governi si auto-conferiscono il potere fiscale per imporre, per gli anni a venire, le politiche usuraie (le chiamano di austerità) in modo da scaricare i costi della crisi economico-finanziaria sui popoli europei. L’ultima colonna che sorregge l’euro (moneta artificiale creata dal nulla) sta per essere completata. I bilanci degli Stati membri saranno definiti e gestiti dall’oligarchia di Bruxelles e la moneta “euro” dai signori del debito, con l’obiettivo della stabilità finanziaria. “Siamo determinati a usare tutte le leve e gli strumenti”, hanno detto gli scavezzacollo mondiali. Le banche continuano a ringraziare.

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.