L’Italia del baratto in cui si celebrano i gadget preistorici

Gli attuali partiti che sostengono obtorto collo il governo Monti, un esecutivo di banchieri nominato dal servitore del capitalismo neoliberista globalizzato Giorgio Napolitano e imposto a totale sudditanza dalla BCE, hanno ben chiaro il concetto per il quale il consenso dell’elettorato (a livello locale e nazionale) avuto loro in passato oramai è irrimediabilmente giunto al capolinea. I dati delle ultime elezioni amministrative non lasciano scampo e, oltrechè decretarne la totale disfatta della partitocrazia ladrona completamente rasa al suolo, evidenziano due cose: la prima, che gli italiani non hanno più fiducia in questa porcilaia che ha la forma più aberrante di politici, fosse solo per la ladroneria diffusa in parlamento e la corruzione che dilaga ogni giorno senza che nuovi scandali e nuove ruberie non vadano ad allungare l’interminabile catena di inchieste giudiziarie che coinvolgono oramai l’intero sistema politico italiota; la seconda, il massiccio messaggio di astensionismo lanciato da un elettorato piegato dalla crisi, e tradotto nel quasi totale disinteresse dalla cricca parlamentare. Osservando il teatrino politico delle ultime settimane non si può fare a meno di continuare a provare sempre più un profondo rigetto verso la totalità di questa ottusa dirigenza politica relegata al ruolo di amministrazione controllata che ha abdicato in maniera vergognosa, consegnando di fatto le chiavi della Nazione ai boiardi tecnocrati transnazionali. Senza scomodare le varie teorie complottiste per capire la provenienza e la funzione di questo infame governo che sta spolpando l’osso ormai consunto della Sovranità Nazionale, gli onorevoli ladroni, stanno già confezionando una nuova porcata elettorale nel disperato tentativo di creare le condizioni per continuare a gestire potere politico e risorse pubbliche senza doversi misurare con la capacità di costruire serie proposte di governo da sottoporre agli italiani in una competizione leale. E da qui il chiaro fallimento di ciò che i greci chiamavano appunto “Arte del Governare” che secoli fa Senofonte descriveva superbamente. Nella logica dei fatti, dopo anni di berlusconismo e piazze belanti di lacrime al vento, gli orripilanti acronimi come ABC (Alfano, Bersani, Casini) per sottintendere la trasversalità dell’appoggio al governo Monti, stanno cedendo il passo ad alchimie di marketing mirate per lo più a traghettare le varie anime morte già pronte a confluire immacolate nelle nuove creature politiche. Nel frattempo che il fedele prestanome Alfano e il suo padrone annuncino il più grande partito dopo il Big Bang, la grande depressione politica in corso, inciderà fortemente sul cambiamento per la naturale tendenza truffaldina delle macchine organizzative, a scegliersi le soluzioni che percepiscono come le più redditizie e orientate solo a perseguire i loro specifici interessi, incapaci di svolgere le loro funzioni fondamentali e di ridurre lo spread tra politici ed elettorato. Elettori che, sarà bene ricordarlo, si comportano esattamente come le bestie da soma descritte da Senofonte, una mandria votante che corre dietro al partito che piazza i propri nominati dentro i Consigli d’Amministrazione delle banche, o meglio ancora nei salotti tv profumati di pane e vaniglia dove tutti si alzano dai seggi per far posto al re, ad eccezione degli efori che non lasciano gli scranni a loro riservati. Il re giura di regnare rispettando le leggi vigenti nella città, mentre la città si impegna a mantenere saldo il potere regale purchè il re resti fedele al giuramento. Come la favola bella di una grande unione di moderati per fare saltare il banco. Situazione che anche i “Mercanti del Tempio” stanno monitorando visto che il famigerato spread non pare aver molta voglia di scendere.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.