Lo schiavismo mondialista ed i responsabili del nostro disastro

Allarme disoccupazione nell’Europa del Sud: una persona su cinque e un giovane su due non riescono a trovare lavoro. E questo è un «potenziale disastro» dice il direttore generale del Fondo Mortuario Internazionale, Christine Lagarde, per descrivere la situazione, in un contesto, globale, altrettanto difficile: «Nel mondo i disoccupati sono 200 milioni, di cui 75 milioni sono giovani». Roba forte. L’istituzione necrofora di Washington proprio a fronte di un mercato del lavoro in crisi sottolinea che c’è bisogno di una crescita «più forte e migliore» che dipende dalla combinazione di «giuste politiche», senza le quali si rischia di «perdere un decennio di crescita, una generazione di giovani e un’opportunità per l’economia». Tutto questo, conclude, «Nel medio termine, però, le riforme pagano». Alcune analisi preliminari del Fmi per i paesi dell’area euro mostrano come nell’arco di cinque anni le riforme delle pensioni, del lavoro e dei prodotti possono spingere il Pil del 4,5%. Semmai si potrebbe chiedere al “male assoluto” Mario Draghi e Mario Monti che ambedue hanno lavorato per Goldman Sachs, se loro sono daccordo col giudizio di Lagarde sull’allarme disoccupazione. Per comprendere quello che sta succedendo oggi, e il perchè di questo potenziale disastro globale e che sta serrando il cappio al collo dei Popoli in ogni angolo del pianeta, basterebbe risalire alla crisi dei mutui subprime negli Stati Uniti. Senza dimenticare che nel gennaio del 2006 si tenne come ogni anno a Davos, in Svizzera, il Forum dei vampiri dell’economia. Sempre in quell’anno (guarda caso) il bankster di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein, guadagnò 54,4 milioni di dollari e la sua società stabilì un record di profitto di 9,5 miliardi di bigliettoni verdi. Chissà quanto guadagna oggi il gangster della finanza di Wall Street, Lloyd. C. Blankfein. Nel gennaio del 2007, il prezzo di un barile di “oro nero” era inferiore ai 60 dollari; nella primavera del 2008 aveva superato i 100 dollari; e a metà luglio raggiunse il record di 147 dollari. A ottobre ci fu il crack. I debiti privati furono trapiantati nei debiti pubblici e le banche fallite furono salvate quasi senza condizioni. I vampiri delle finanze europee si riunirono in gran fretta per stabilire che loro non avrebbero mai permesso che una banca, come successo negli Stati Uniti, potesse fallire. E come per magia, i giocolieri finanziari scoprirono all’improvviso che il Vecchio Continente era un’unione monetaria fontata sull’usurocrazia, non politica, e che la costruzione del sistema euro (denaro artificiale creato dal nulla) aveva molti difetti. Poi venne la Grecia. Quella stessa crisi che è stata poi rovesciata sulle spalle degli europei che, a parte indegni lacchè che hanno riverito genuflessi le centrali dell’usura atlantica di Goldman Sachs e Lehman Brathers, con quella catastrofe non avevano nulla a che fare. Tradotto in parole semplici, i governi hanno ingrassato le banche, che non hanno fatto nulla o quasi per risolvere i problemi di tutti quegli Stati divorati dal debito sovrano. Una voragine di denaro pubblico generata dall’incapacità politica (Italia inclusa) che ci ha relegati allo status di paesi del Terzo Mondo.

Forse lo squalo Christine Lagarde, dimentica o finge di non ricordare che il Fondo Monetario Internazionale, è quel mostro che ha rovinato tanti Stati negli anni recenti, l’ultimo, è l’Argentina. In Africa, invece, è la Liberia, paese tra i più poveri del mondo, e con un Pil pro-capite di 226 dollari Usa all’anno cioè di molto inferiore a 1 dollaro al giorno (dati fonte FMI), a essere finita a libro paga della cupola usuraia con i vergognosi finanziamenti del Fmi: dei 226 dollari che ogni liberiano ha annualmente a disposizione, ben 47,69 dollari vanno al Fmi (21,10%) sotto forma di quota di partecipazione al fondo. Ovviamente la Liberia è un caso estremo, ma tutti i paesi poveri sono fortemente penalizzati e indebitati da un agire che considerare vergognoso è poco. In Europa, è la Germania della culona inchiavabile Angela Merkel a svolgere il ruolo di sicario fiscal master. «E questo potrebbe generare tensioni tali che l’Europa si potrebbe autodistruggere», ha detto il decano dell’usura giudaico mondialista George Soros.

Chi è costui? Un miliardiario ebreo, uno dei peggiori criminali in circolazione, speculatore e usuraio di professione che ancora detiene il record per aver guadagnato di più in un giorno solo: la bella cifra di 1 miliardo di dollari, speculando sulla sterlina nel “Black Wednesday” del 1992, quando la moneta inglese perse il 20% del suo valore in mezza giornata. L’ebreo avido e occulto come la sua anima ignobile che ancora oggi gli inglesi ricordano come “colui che spaccò la schiena alla Banca d’Inghilterra”.

Ed è proprio quella stessa finanza, geneticamente apolide, che l’inebetita Lagarde vorrebbe “più forte e migliore” per la crescita in combinazione di “politiche giuste” per non buttare nel cesso un’intera generazione di giovani disoccupati, un nuovo esercito di senza lavoro, che proprio i banchieri (i veri responsabili del nostro disastro) e criminali della stessa risma hanno impunemente generato dettando le regole ai governi.

Siamo di fronte ad una devastazione sociale che si sta compiendo nell’indifferenza, più idiota che complice, di politici camerieri dei gangsters della finanza, da non sapere dove sta di casa un minimo di decenza.

A dimostrazione che fare i banchieri e gli speculatori rende sempre e che resta valido il principio espresso da Bertolt Brecht per il quale, c’è soltanto una cosa peggiore di rapinare una banca ed è quella di crearne una.

4 commenti

  1. l’ errore di quest’ articolo e’ stato chiamare soros ebreo e per ben due volte

  2. @ alessandro

    sarebbe stato forse meglio “chiamarlo”…finanziere, economista, magnate, filosofofo, imprenditore, docente, professore che è più politically correct e sa di trionfo di merda tiepida?

    oppure per personalizzare la leccata a seconda del destinatario, scoprendone i punti deboli: figli, intelligenza, bellezza, professione, casa, squadra di calcio ecc ecc, più lacrimevole…”di famiglia dell’alta borghesia ebraica”…?!?!?

    magari aggiungendo nella gerarchia dei fedeli leccaculo geneticamente predisposti per leccare anche in assenza del destinatario…”filantropo ungherese naturalizzato statunitense”?

    La “evoluzione” dei comportamenti umani e sub-umani, e la diffusione del fenomeno del “paraculismo”, ha fatto sì che adulatori, lecchini, ruffiani e leccaculo dall’elevato tasso di rendimento non siano più visti in modo negativo, anzi. Come ogni “arte” il lecchinaggio poggia su doti innate sulle quali si inserisce una tecnica codificata, quella che piace tanto all’ebreo.

    staff
    IL GRAFFIO

  3. Si può rammentare che la Terra è rotonda e che domani il sole sorgerà nuovamente. Guai però a far notare quando uno è ebreo…. solita ipocrisia

  4. i NOSTRI SONO APPELLI DISPERATI DECLAMATI IN UN DESERTO PULLULANTE DI CADAVERI IN AVANZATO STATO DI PUTREFAZIONE. VIENE DA CHIEDERSI COMA POSSANO ANCORA ESSERCI SI’ TANTI CAPI DI BESTIAME VOTANTE, SI’ TANTI FIDENTI (O FETENTI) NELLA BUROCRAZIA DI REGIME. QUESTE LURIDE MANDRIE UMANE, ANCORA OGGI OSSERVATE FAR LA FILE NELLE FILIALI BANCARIE E POSTALI, ELEMOSINANTI QUALCHE SPICCIOLO GETTATO LORO COME L’OSSO AVANZATO AL BANCHETTO, SONO PERFETTAMENTE COMPLEMENTARI AI LORO SPREGEVOLI PADRONI. NON SI MUOVE FOGLIA IN DIREZIONE DELLA FORMAZIONE DI UN MOVIMENTO RIVOLUZIONARIO CAPACE DI CREARE UNA TESTA D’ARIETE ANTISISTEMICA; QUI E’ ASSENTE OGNI FORMA DI ATTIVITA’ CEREBRALE. IL CORPUS SOCIALE (O SI’ DETTO TALE) E’ SOLO UN PUZZOLENTE CA(ro) DA(ta) VER(mibus). CADAVERE, nell’etimo: “carne data in pasto ai vermi” del FONDO MORTUARIO INTERNAZIONALE.


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.