Sovranità nazionale svendesi

L’Italia del curatore fallimentare Mario Monti, servo fedele delle banche usuraie e della grande speculazione finanziaria internazionale, resta in fondo alla classifica Ocse sui salari, scivolando al 23° posto (dal ventiduesimo) su 34 Paesi membri dell’organizzazione. L’Ocse, nel suo rapporto annuale Taxing wages sul 2011 evidenzia che lo stipendio medio netto di un lavoratore italiano, l’anno scorso è stato di 25.160 dollari (circa 19.147 euro, inferiore alla media che è di 20.632 euro), davanti alla Grecia (17.708 dollari) e al Portogallo (21.013), ma dietro a Spagna (27.741), Francia (29.798), Irlanda (31.810), Germania (33.019) e Gran Bretagna (38.952). Il salario lordo è stato invece di 36.361 dollari, che corrispondono a circa 27.671 euro: un dato lievemente inferiore alla media Ocse che è di 36.396 dollari (27.698 euro). Mentre gli stipendi sono in calo, in Italia aumenta il carico fiscale sui salari: 47,6% nel 2011 (dal 47,2% del 2010) del cuneo fiscale. In particolare, in Italia l’onere del fisco per un single senza figli è aumentato di 0,7%, rispetto al 2010, quando si attestava al 46,9%. Nella classifica dei Paesi membri dell’Ocse, aggiornata alla fine dello scorso anno, l’Italia resta dietro a Belgio (55,5%), Germania (49,8%), Ungheria (49,4%), Francia (49,4%) e Austria (48,4%). Dall’analisi dei dati forniti dall’organizzazione, a prescindere da tutti gli esoterismi accademici del governo fantoccio Monti, e delle sue misure strombazzate da media indecorosi, siamo in forte recessione e le tasse introdotte da questo esecutivo di massoni, protetto senza vergogna dal colluso ex portaborse togliattiano Napolitano e dalle cosche mafiose Pdl, Pd, Terzo Polo che continuano a sostenere il nemico della ricostruzione nazionale Mario Monti, stanno portando l’Italia sul baratro. Si continuano ad assestare stangate alle famiglie (+2.467 euro annui), non si avverte alcun minimo accenno alla ripresa economica e lievita sempre più l’esercito dei disoccupati mentre le banche che questo governo di sanguisughe sta ingrassando con le nostre “lacrime e sangue” stringono sempre più il cappio dell’usura al collo dei lavoratori. L’Europa, unita dalle banche a Maastricht potrà solo condurci, dove stiamo andando, alla rovina. La soluzione è unica: uscire dall’euro espellendo gli infami parassiti che lucrano sulle spese degli Stati nazionali.

Annunci

2 commenti

  1. […] di Stato finanziario, imposto dall’usuraia Banca Centrale Europea, e che sta mandando in rovina l’Italia. Forse dall’alto del Colle, il cameriere del nuovo ordine mondiale Giorgio […]

  2. […] hanno abdicato dal loro ruolo fondamentale di controllori dell’etica sociale e della sovranità nazionale a vantaggio dei vampiri dell’Alta finanza internazionale. In questo mare magnum di […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.