E stiamo tutti bene

Il recente decreto del governo dei banchieri sulle liberalizzazioni promette non solo di facilitarci la vita, ma anche, di migliorarcela. Il masso-decreto (clicca qui per scaricare) confezionato dal ministro tecnico Filippo Patroni Griffi, l’uomo ombra del bandito Giuliano prima e del ministro tascabile Brunetta dopo, contiene una miriade di disposizioni, in senso stretto regolate da leggi naturali che, a detta dei soliti cortigiani paraculisti attraverso il meccanismo della libera concorrenza garantiranno il massimo della ricchezza individuale, nello stesso tempo in cui si presume che sia assicurato anche il massimo benessere collettivo. Anzi ci si spinge fino al punto da far quasi coincidere il massimo del benessere collettivo con la somma aritmetica del benessere di ognuno degli individui appartenenti alla collettività, ed il massimo di ricchezza nazionale con la somma aritmetica con la ricchezza di ogni suo singolo componente. Una redistribuzione della ricchezza (sic) non per dare o togliere, ma per raggiungere quel fine di interesse generale, che suggerisce il provvedimento adottato. E guai a parlare di interesse particolare, intendiamoci, o quel tipo di interesse corrispondente alla visione teorica derivante dalla propria mentalità politica. Lorsignori sono professori mica sfigati, non fanno mica parte di una qualche cricca mondialista. Hanno un curriculum di tutto rispetto per quanti hanno il compito di sottomettere l’economia e la politica italiana al volere degli usurai del Fondo Monetario Internazionale, degli strozzini della Banca Centrale Europea e dei vari potentati economici. I nuovi salvatori della patria, elevati a rango di scienziati dell’economia, per risanare l’economia italiana hanno inventato il gratta e vinci, hanno tartassato i pensionati per ingrassare le banche, hanno resuscitato la social card (nelle grandi città con 250.000 abitanti), hanno favorito le multinazionali della (mala)sanità moltiplicando le grandi catene di farmacie. Nel decreto c’è pure una tuonata di culo a buon mercato dedicata ai giovani disoccupati che intendano mettete su un’impresa: la Società semplificata a responsabilità limitata (Ssrl). La possono aprire, sulla base dei dettami approvati, i giovani sotto i 35 anni. Basta versare, è detto fra il serio e il faceto, un capitale di 1 euro. Chissà se le banche saranno disposte a fare credito senza garanzie, e i fornitori a dare fiducia a Società senza capitale sociale! Sarà invece più facile per gli ultra-ottantenni (Napolitano ha avuto un’erezione) rinnovare la patente con cadenza biennale. Non è tutto. I documenti di identità andranno a scadenza nel giorno del proprio compleanno: «Piccolo escamotage per ricordarsi quando è il momento di rinnovarli», parola del professore universitario Mario Monti. Gli affamati avranno il pane anche la domenica, per dare lavoro a chi sia in grado di moltiplicarlo. Mentre i loro amici papalini e banchieri continueranno a ingrassare con le brioches…

«Evadere le tasse è peccato. Per un soggetto religioso questo è addirittura motivo di scandalo. La Chiesa in Italia non chiede trattamenti particolari, ma semplicemente di aver applicate a sé, per gli immobili utilizzati per servizi, le norme che regolano il no profit. I Comuni vigilino, e noi per la nostra parte lo faremo: ci piacerebbe solo non si investissero tempo e risorse in polemiche che, se pur accettiamo in spirito di mortificazione, finiscono per far sorgere sospetti inutili e, in ultima istanza, infirmare il diritto dei poveri di potersi fidare di chi li aiuta».

[card. Angelo Bagnasco, presidente Cei]

La Chiesa in Italia non chiede trattamenti particolari, ma semplicemente li riceve a sua insaputa. Ite, supercazzola est…

Advertisements

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.