Il breviario dell’odio sionista e dei loro volenterosi carnefici

La parola magica «negazionismo», usata dalla polizia del pensiero per fare sparire nel nulla gli autori di psico-reati, ha sostituito l’accusa che nel Medioevo designava coloro che trafficavano con il diavolo e che quindi meritavano il rogo: «stregoneria». Essa esce dagli stessi breviari dell’odio dai quali esce la parola Shoah, che in ebraico significa «sterminio», resa popolare dalla cinematografia degli impiegati della memoria corta e divulgata dall’industria sionista della menzogna. Naturalmente tutta la mediocre informazione di provincia, per rendere al meglio il servigio, si è aggiunta al coro. Quanto allo «sterminio», noi cittadini liberi di seconda classe, neghiamo il diritto che si arrogano i macellai sionisti di minimizzare i crimini da loro compiuti. Poichè, come loro sostengono, gli ebrei sono “costretti” a difendersi, altrimenti Israele non potrebbe esistere come Stato giudaico. Il boia sionista ha invece bisogno di neutralizzare l’opinione pubblica internazionale, di paralizzarla, con iniezioni regolari di «memoria olocaustica» e di racconti mitologici sulla «sofferenza» supposta degli ebrei nella storia dell’Europa tanto da compiacersi lacrimevolmente del fatto che esistano servili funzionari per fare ques’opera di bassa polizia e di ricatto. Ciò dimostra la potenza lelle lobby. Infatti coloro che negano i “crimini contro l’umanità” sono proprio i giornali, le televisioni, e quasi tutti i media, tra i quali nessuno ha osato qualificare come crimini contro l’umanità i bombardamenti al fosforo bianco (vietate dal Trattato di Ginevra del 1980, e le cui fiamme una volta a contatto con l’ossigeno dell’aria, si sviluppano, fino ad esaurimento del combustibile), da parte dell’aviazione israeliana nell’Operazione “Piombo Fuso” (27 dicembre 2008 – 18 gennaio 2009). Nella loro logica di sterminio del popolo palestinese, furono massacrati oltre 1.400 civili, tra cui 318 bambini e 111 donne (oltre 5.000 i feriti). In queso caso non si è trattato di “crimini contro l’umanità”, che esistono solo quando riguardano gli ebrei.

I mezzi di informazione di rimbecillimento di massa, asserviti al dominio sionista, sono stati portavoce dei comandi militari israeliani con articoli e servizi vergognosamente di parte.

L’operazione militare Piombo Fuso, conclusa il 18 gennaio 2009, è stata un’impresa attentamente pianificata, a sua volta parte di un più vasto programma militare e d’intelligence della micidiale macchina di distruzione sionista:

«Terrorizzare la popolazione civile, assicurando la massima distruzione della proprietà e delle risorse culturali. La vita quotidiana dei palestinesi deve essere resa insostenibile. Devono essere segregati in città e borghi, impediti dall’esercitare una vita economica normale, tagliati fuori da luoghi di lavoro, scuole e ospedali. Ciò incoraggerà l’emigrazione e indebolirà la resistenza nei confronti di future espulsioni»

(Ur Shlonsky, citato da Ghali Hassan, GAZA: THE WORLD’S LARGEST PRISON, Global Research – 2005).

Il muro del silenzio innalzato attorno a Gaza dai media embedded, ha cercato di tenere celato il più possibile i crimini che sono stati compiuti, dando risalto solo agli isolati quanto sterili lanci di razzi artigianali kassan su qualche kibbutz, ma le notizie e la conferma che armi non convenzionali e proibite erano state ampiamente utilizzate, sono trapelate lo stesso, anche grazie al coraggio dei medici accorsi per curare i feriti.

LE FOTO CONTENUTE IN QUESTO ARTICOLO E REPERITE DA FONTE INTERNET RIGUARDANTI IL MASSACRO DEL POPOLO PALESTINESE “OPERAZIONE PIOMBO FUSO” CONTENGONO IMMAGINI FORTI ED ESPLICITAMENTE VIOLENTE CHE POTREBBERO TURBARE PERSONE PARTICOLARMENTE SENSIBILI. LA VISIONE È LIMITATA RIGOROSAMENTE AGLI ADULTI.

Ci fermiamo qui. L’articolo di fede più importante rimane che Israele sia vittima sfortunata del terrorismo, di attacchi militari, di odio implacabile e irrazionale.

Chissà se per Giorgio Napolitano, il comunista che fu ex in anticipo, ci sarà un risveglio (tant’è) e se analogo sdegno e costernazione sarà espresso con tanta testimonianza per la vendetta israeliana che si è abbattuta contro la popolazione della Striscia.

Annunci

2 commenti

  1. vergogna e solo vergogna!!!!!

  2. maledetto sia l’ebreo ed il suo dio di crudeltà jahvè…


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.