Gli “UTILI IDIOTI” del bipolarismo bollito made in Italy

Alla conferenza stampa di fine anno il boiardo Mario Monti ha presentato le misure del pacchetto “Cresci Italia” (sic) per il rilancio e la crescita del BelPaese. Il preside, nominato per abbassare lo spread, ha assicurato che i conti pubblici italiani sono in sicurezza e che non serve un’altra manovra. Equità al centro dell’azione del governo dei banchieri: nella riforma del lavoro, del catasto e delle liberalizzazioni. L’Italia ha rischiato brutto, fa capire, eravamo vicinissimi alla Grecia: «Stavamo andando in direzione sud est, poi abbiamo frenato. Meno male, perchè eravamo arrivati sull’orlo di un burrone senza parapetto, e avevamo forze che ci spingevano. Abbiamo puntato i piedi e abbiamo evitato la caduta. C’erano molti avvoltoi nel cielo: ma non siamo caduti, quindi non ci mangiano». Il messaggio subliminale è chiaro: un’Italia paralizzata di fronte alla crisi, non in grado di affrontare le riforme chieste dalla Banca Centrale Europea a partire dalle pensioni mettendo a rischio l’euro. In questo scenario, secondo una ricostruzione del Wall Street Journal, la culona inchiavabile Angela Merkel chiamò il cameriere del nuovo ordine mondiale Giorgio Napolitano lo scorso ottobre, dicendosi ”preoccupata” del fatto che Silvio Berlusconi non riuscisse a fare le riforme necessarie: di lì a poco la maggioranza sarebbe venuta meno e il Quirinale (in perfetto stile mafioso) fu costretto a trovarne un’altra per il bene (sic) delle riforme e dell’Italia. Oggi lo stallone di Arcore è sempre più ostaggio impotente del boss della Trilateral che citandolo timbra la sua prima stoccata: «Aveva detto che non ci sarebbero state altre manovre, ce ne sono state cinque se non erro». Poi aggiunge: «L’ex premier aveva invitato a un bagno di ottimismo. Bagno è forse troppo, ma moderato ottimismo ora può essere giustificato». Nella pancia del PdL si scava ancora sotto le macerie. E lui, il Capo che non dorme ma riposa, colui che pensa per tutti, platealmente sbeffeggiato, agli “schiaffi tecnici” reagisce così: «Noi abbiamo assicurato il nostro leale sostegno al governo dei professori ma dobbiamo essere pronti a ogni evenienza e comportarci come se la campagna elettorale per le elezioni fosse già in corso». A salvare il defunto bipolarismo ci pensa invece la fitta rete di volontari: dal palafreniere La Russa alle comode rate mentali della Santanchè, passando per i centristi “in sonno” che già sognano una Terza Repvbblica bananara, e sono pronti (questa è l’Italia, sic) a riposizionarsi altrove in caso di elezioni anticipate. E la Lega? Così l’omino verde Roberto Calderoli: «Berlusconi ha preso le distanze, con alcune dichiarazioni, ma deve anche dimostrare di non essere l’utile idiota che sostiene il Governo di sinistra: stacchi la spina e si vada al voto». Il governo della macelleria sociale nel cercare di dare una spolverata equitaliana alla superstangata tanto spietata contro i più poveri, quanto compiacente contro i più ricchi, i grandi patrimoni, gli evasori fiscali, ha già calato il cappio del regime borghese e capitalista sempre più stretto intorno al presente e al futuro delle generazioni più giovani e l’èlite oscura degli oligarchi plutocratici, dall’alto della piramide si godrà lo spettacolo di rovine con cui l’Italia sarà ricoperta.

Advertisements

1 commento

  1. […] Vai alla fonte Condividi questo post: […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.