SH✡AH BUSINE$$, gli impiegati della “memoria corta”

In se la notizia è positiva perchè “dovrebbe” portare alla cancellazione delle infami leggi liberticide anti revisioniste, voluta e cercata anche in Italia da tale Pacifici Riccardo (a), ebreo, che hanno procurato rovine di uomini a non finire, distruzione di famiglie, rovine economiche, licenziamenti dal posto di lavoro, aggressioni fisiche, minacce. Perchè l’Onu cambia rotta? Si è pentita? No! Si intuisce che l’Onu NON cambia sicuramente per rimediare ai danni prodotti, per far piacere o rendere Giustizia alle centinaia di migliaia di cittadini europei indagati, processati e, alcuni, ancora in galera (b). Questo nobile comportamento NON sembra lo tocchi, neppure lo sfiori (sarebbe un “parto” dopo una “gravidanza” durata circa un ventennio! Infatti è del 1993 il rigetto del ricorso del Faurisson CONTRO la legge Fabius-Gayssot). Semplicemente appare una “ritirata strategica” su posizioni più difendibili delle precedenti, rivelatesi fallimentari, di un cambio di strategia globale, deciso dagli sterminazionisti che contano e decidono come ci si deve comportare. Quelli che danno il “la” a tutte le conformi prassi degli “impiegati della memoria” in SpE: strategie, leggi, memoriali, viaggi, convegni, ricatti morali, finanziamenti.

Perchè ciò? Le leggi liberticide, che tagliavano la libertà di espressione, studio, insegnamento, avevano l’indesiderato, imprevisto, NEGATIVO effetto collaterale di apparire agli occhi del normale cittadino come CENSURA PREVENTIVA e limitazione della libertà di espressione, quindi non apparivano “giuste“, ammorbando l’atmosfera “politically correct“, inoltre DAVANO VISIBILITÀ AI REVISIONISTI!

In aggiunta comportavano che, durante i processi, si discutesse NEL merito, il che è visto come il fumo negli occhi dagli storici sterminazionisti, dopo le sconfitte subite da parte dei revisionisti nei processi Zundel (cliccare qui) ed anche in quello di Irving (benchè sconfitto in tribunale), sterminazionisti totalmente incapaci di ribattere “nel merito”, ridotti a far le “guide” di treni della “memoria” carichi (a spese pubbliche) di studenti in vacanza GRATIS!

Questo è il motivo principale, giustapposto all’altro motivo di “indirizzo” del piagnisteo ultra sessantennale: si è pianificato di trattare l’argomento “olocau$to”o $hoah” tenendo un profilo basso!

  • UMILIATI, INCAPACI e FALLITI nel tentativo di identificare
  • CHI avrebbe deciso, ordinato, di sterminare gli”ebrei” in quanto tali
  • QUANDO simile ordine fosse stato impartito

 

  • Nell’individuare 1 (UNA) camera a gas, almeno i resti
  • Rincitrulliti dalle “prove” di Norimberga saltate TUTTE per aria assieme al komunismo
  • Incapaci di stabilire “numeri” credibili per “Einsatzgruppenizzati” o “gasati”…

Hanno deciso di far parlare “testimoni” minori, praticamente degli sconosciuti o quasi, che vengono lanciati in prima fila dello “$hoah-business“, e PUNTARE sul racconto spicciolo e la riesumazione di storie PERSONALI, quindi “al sicuro” da indagini revisioniste (non avendo alcun peso in ambito storico) sperando nella lacrima facile degli “stolti goyim” (tutti i non ebrei) nell’emozione, nella compassione, nel risentimento verso i  pretesi “perpetratori”! (sperando ardentemente funzioni).

Ecco il perchè!

…le “camere a gas” non “tirano” più? …ecco l’oloviagra!

Links utili:

(a) Alcuni articoli dedicati al soggetto:
http://olo-truffa.myblog.it/tag/pacifici%20riccardo

(b) Pedro Varela:
http://olo-dogma.myblog.it/pedro-varela/

(c) Axel Möller,Robert Rupprecht:
http://olo-dogma.myblog.it/archive/2011/10/28/delirio-di-potenza-sterminazionista-e-arbitrio-politicamente.html

(d) Gerd Honsik:
http://olo-dogma.myblog.it/archive/2011/09/08/il-poeta-gerd-honsik-liberato-dopo-5-anni-di-internamento-in.html

(e) Gerd Walther:
http://olo-dogma.myblog.it/archive/2011/05/16/repressione-del-revisionismo-dell-olocausto-ebraico-gerd-wal.html

(f) Horst Mahler:
http://olo-dogma.myblog.it/archive/2010/12/27/petizione-per-horst-mahler-aufruf-zur-freilassung-von-horst.html

(g) Elenco degli articoli sul tema repressione del Revisionismo:
http://olo-dogma.myblog.it/archives/category/repressione-revisionismo.html

(h) Aggressione e tentativo di omicidio verso il  Prof. Robert Faurisson:
http://olo-dogma.myblog.it/archive/2011/09/16/il-16-sette

Le leggi-bavaglio per le Nazioni Unite sono abusive

La nostra preziosa corrispondente Bocage ci ragguaglia su un’importante notizia: in seguito alla riunione, a Ginevra, nei giorni dall’11 al 29 luglio 2011, della Human Rights Committee (Commissione per i Diritti Umani) delle Nazioni Unite, è stato adottato un nuovo General Comment [1] (Commento Generale) all’articolo 19 (Freedom of opinion and expression, libertà di opinione e di espressione) del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ne ha dato notizia, in Italia, lo scorso 8 agosto, il sito del Centro diritti umani dell’Università di Padova [2]).

Il testo originale integrale, in inglese, è disponibile al seguente indirizzo:

http://unipd-centrodirittiumani.it/public/docs/HRC_General_Comment_34.pdf

Di particolare interesse è il punto 49:

(…)

Le leggi che penalizzano l’espressione di opinioni su fatti storici sono incompatibili con gli obblighi che il Patto impone agli Stati membri in relazione al rispetto per la libertà di opinione e di espressione. Il Patto non permette la proibizione pubblica dell’espressione di un’opinione erronea o di una interpretazione inesatta di eventi del passato. Restrizioni al diritto alla libertà di opinione non dovrebbero mai essere imposte e, riguardo alla libertà di espressione esse non dovrebbero oltrepassare ciò che è permesso nel paragrafo 3 o richiesto in base all’articolo 20

(…)

Sì, avete capito bene: con l’espressione “leggi che penalizzano l’espressione di opinioni su fatti storici”, gli esperti delle Nazioni Unite si riferiscono esattamente alle famigerate “leggi memoriali” invalse nell’eurozona, a partire dalla legge Fabius-Gayssot. La nota a piè di pagina n°116 relativa al detto punto 49 recita infatti:

“So called “memory-laws”, see Faurisson v. France, No. 550/93”.

TRADUZIONE:

“Le cosiddette “leggi della memoria”, vedi Faurisson versus Francia, No. 550/93 (È il numero relativo all’esposto presentato nel 1993 da Faurisson contro lo Stato francese [3])”.

In conclusione, visto che nel 1993 la Human Rights Committee respinse il ricorso di Faurisson ritenendo giustificata la legge Gayssot, la medesima Commissione, nel 2011, ha finito col dare ragione al professore francese!

Note:

[1] Il Commento n°34, per la precisione

[2] http://unipd-centrodirittiumani.it/it/news/Comitato-diritti-umani-nuovo-commento-generale-sulla-liberta-di-opinione-e-di-espressione/2141

[3] In rete all’indirizzo:
http://www.bayefsky.com/pdf/128_francevws55058.pdf

Achtung minen!
L’ONU rinnega se stessa e cambia strategia antirevisionista

da WaA359, OLO-TRUFFA

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.