Disinformazione

La domanda naturale sarebbe: riuscirà Vladimir Putin, forte di una vittoria risicata che comunque gli offre oltre il 50% della rappresentanza parlamentare nella Duma, a essere eletto di nuovo presidente della Russia il prossimo 4 marzo? È una domanda evidentemente retorica. La risposta è, naturalmente, “sì”. Questa è la logica. Ma in Occidente questa verità semplice viene rovesciata nel suo stretto significato. Si sottolinea la “debolezza” dello “zar”, la “magra maggioranza” acquisita, la “svolta in Russia”. Come se, in realtà, Putin fosse stato sconfitto. E nulla vale fare i conti con i suoi avversari più prossimi e le “alternative” che questi – e solo questi – rappresenterebbero: i comunisti di Zjuganov (19%), i nazionalisti di “Russia adesso” (13%) o “liberaldemocratici” (12%). L’importante è sottolineare che c’è stato un calo di consensi per “Russia Unita” e quindi per Putin. Il resto non conta. Anzi: l’importante è sottolineare le “preoccupazioni” degli Usa, espresse da Lady Clinton, e le critiche sullo svolgimento delle elezioni fatte proprie dall’Ocse. O denunciare i brevi arresti per le manifestazioni non autorizzate. Il messaggio che deve passare in Occidente è che “Vladimir Putin non è più l’uomo più amato di Russia”. Tutto il resto non conta. I nostri (dis)informatori di massa non demordono. Mai.

da Lorenzo Moore, RINASCITA

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.