La macelleria sociale è servita

Il cappio del regime borghese e capitalista, è stato calato sull’Italia. Alla ministra Elsa Fornero, il coccodrillo che cura il Nuovo Benessere (“welfare”) degli italiani, è scappata una lacrima. Per capire che oramai l’Italia è stata colonizzata dall’Alta finanza mondialista, ieri, l’autorevole gangster del ramo Trilateral, entusiasta della manovra da 30 miliardi di euro la cui tanto decantata equità è stata indorata dal ritorno dell’Ici, dall’aumento dell’Iva, dall’innalzamento dell’età pensionabile fino alla soglia sepolcrale e da penalizzazioni pensionistiche, nell’euforia orwelliana e forte della complicità manifesta di imbelli e cialtroni privilegiati politici, con un gran colpo tonante di culo: “Il debito dell’Italia è colpa degli italiani, non degli europei, colpa di chi in passato non ha pensato alle future generazioni: in questo momento il capo dello Stato ha chiesto a questo governo di salvare l’Italia”.  Lo ha detto in conferenza stampa il presidente fantoccio Mario Monti, già nominato con un colpo di Stato finanziario dal cameriere del nuovo ordine mondiale Giorgio Napolitano, scoprendo ufficialmente le carte sulle misure volute dai signori dell’usura e servite con riverente genuflessione dal governo dei banchieri a danno dei lavoratori e del Popolo italiano. Nella sua lectio magistralis sul saccheggio, il boiardo ha parlato di crisi ”gravissima”; della necessità di salvare i ”sacrifici di almeno quattro generazioni”. Ha pure spiegato che il debito pubblico, vero fardello che impone la manovra, non è colpa degli europei ma degli ”italiani” che non hanno guardato all’interesse delle future generazioni. Avete capito? È colpa degli italiani.

Come dire che la flessibilità, la mobilità, la precarietà, i salari da fame, la cassa integrazione, i licenziamenti, la privatizzazione coatta del residuale patrimonio di Stato, i fallimenti aziendali, lo smantellamento dello stato sociale, lo sgretolamento dell’art. 18, i ricatti della multinazionale Fiat sono esclusivamente colpa del Popolo italiano.

Ergo, nel mondo delle favole, si spiega come tra il 2000 ed oggi sono state fatte in Italia ben 19 manovre finanziarie, che hanno salassato gli italiani per un totale di oltre 600 miliardi di euro. Come no! Basta crederci. E questa la chiamamo ancora Patria?

In questo disastroso naufragio, costoro stanno traghettando il Popolo italiano sfruttato dalla usurocrazia. Ormai il Popolo e i Lavoratori sono al limite della sopportazione. In questa repubblica delle banane, che risponde al nome di Italia, chi fa politica o è un mestierante della stessa, senza arte nè parte o può addirittura essere un’ex velina che è elevata al rango di ministro.

Oggi, è divenuto fin troppo evidente che, da Napolitano in giù (o in su?), centinaia di grigi burocrati vengano strapagati al solo scopo di sorvegliare il saccheggio progressivo di ogni bene e di ogni risorsa umana, di consentire lo stritolamento dei giovani e dei lavoratori a compiacenti pescicane di regime.

Lo ripetiamo, costoro devono essere cacciati a pedate dalle loro poltrone. Sempre più crediamo sia necessaria la nascita di un Movimento Popolare Nazionale e Socialista che sappia dare al popolo le risposte necessarie affinché si possa uscire da questa cloaca che è oramai diventata lo stato borghese delle multinazionali, dell’affarismo e dell’usura.

Noi crediamo sia necessario, una volta per tutte, trovarci tutti insieme. Tutto il popolo nazionalpopolare sotto la stessa bandiera. Quella volta ai profittatori ed alla borghesia capitalista comincerà a tremare il culo sulla poltrona. Quella volta nascerà un movimento nazionale e rivoluzionario.

Annunci

1 commento

  1. […] Fonte e resto del post: ilgraffionews.wordpress.com […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.