La politica FED di creazione dell’inflazione: un massiccio trasferimento di ricchezza

Se [la gente] presterà poca attenzione agli affari pubblici una volta, io e voi, il Congresso e le Assemblee, i giudici ed i Governatori, diventeremo tutti lupi. Sembra essere la legge della nostra natura, nonostante le eccezioni individuali”. Thomas Jefferson (1743-1826), Terzo Presidente degli Stati Uniti. “Se il popolo americano permetterà alle banche private di controllare l’emissione della sua valuta, prima con l’inflazione e poi con la deflazione, le banche e le corporazioni che gli cresceranno intorno priveranno il popolo di tutte le sue proprietà, finché i suoi figli si sveglieranno senza casa sul continente che hanno conquistato i loro padri”. Thomas Jefferson (1743-1826), Terzo Presidente degli Stati Uniti. [La corruzione nelle alte sfere seguirebbe dal momento che] “tutta la ricchezza è racchiusa in poche mani, la Repubblica è distrutta”. Abraham Lincoln (1809-1865), sedicesimo Presidente degli Stati Uniti. “Quando la rapina diventa lo stile di vita per un gruppo di uomini che vivono insieme all’interno di una società, col passare del tempo, essi creeranno un sistema legale che la autorizzi ed un codice morale che la glorifichi”. Frederic Bastiat (1801-1850), economista francese. “L’inflazione qui negli Stati Uniti è molto, molto bassa”. Ben Bernanke, Presidente della FED, Giovedì 10 Febbraio 2011. Iniziamo con qualche indicatore di riferimento macroeconomico.

Nell’Ottobre 2010, il valore mondiale della produzione totale (tutti i Prodotti Interni Lordi o PIL) è stato stimato in 61,96 trilioni di dollari al valore nominale corrente. Il PIL degli Stati Uniti è stato stimato a 16,11 trilioni di dollari, ovvero il 26% del PIL mondiale.

Nominal GDP table (sortable; amounts in billions of US$)
Country 2011 2012 2013 2014 2015 Estimate
 World 65,417.340 69,125.034 73,111.569 77,405.039 81,962.902 October 2010
 European Union 16,452.058 17,023.729 17,653.694 18,319.875 18,997.165 October 2010
 United States 15,157.285 15,824.694 16,525.593 17,267.500 18,029.317 October 2010
 China 6,422.276 7,169.679 8,000.516 8,935.686 9,982.076 October 2010
 Japan 5,683.292 5,877.534 6,080.705 6,302.139 6,517.481 October 2010
 Germany 3,358.242 3,453.874 3,546.635 3,640.656 3,728.766 October 2010
 France 2,590.787 2,665.486 2,750.544 2,846.462 2,945.204 October 2010
 United Kingdom 2,395.483 2,497.555 2,617.375 2,748.408 2,885.407 October 2010
 Brazil 2,192.958 2,326.813 2,471.485 2,626.301 2,789.275 October 2010
 Italy 2,054.902 2,110.449 2,166.696 2,226.633 2,288.866 October 2010
 Russia 1,678.107 1,866.840 2,068.772 2,277.402 2,498.978 October 2010
 Canada 1,632.894 1,700.673 1,762.403 1,822.721 1,880.400 October 2010
 India 1,598.394 1,762.289 1,955.181 2,174.428 2,412.368 October 2010
 Spain 1,366.093 1,399.408 1,441.540 1,489.154 1,539.834 October 2010
 Australia 1,297.831 1,338.224 1,383.054 1,429.111 1,480.145 October 2010
 South Korea 1,056.262 1,124.800 1,196.953 1,279.217 1,371.334 October 2010
 Mexico 1,041.089 1,114.238 1,190.954 1,268.377 1,348.638 October 2010
 Turkey 789.601 845.816 902.871 965.969 1,033.293 October 2010
 Indonesia 776.976 850.134 931.999 1,020.317 1,111.053 October 2010
 Netherlands 776.091 792.300 809.805 829.535 849.986 October 2010
 Switzerland 544.067 550.625 558.808 567.218 575.754 October 2010
 Saudi Arabia 475.987 520.102 564.106 607.785 656.401 October 2010
 Sweden 474.686 511.141 544.856 574.052 601.062 October 2010
 Belgium 469.133 482.929 499.979 518.058 536.229 October 2010
 Poland 468.822 503.410 545.226 579.520 604.916 October 2010
 Taiwan 455.418 491.443 533.600 581.415 634.127 October 2010
 Norway 425.040 440.148 454.388 466.453 479.154 October 2010
 South Africa 366.174 384.426 405.393 429.242 455.141 October 2010
 Austria 366.021 376.087 387.215 399.982 413.498 October 2010
 Argentina 362.990 371.302 382.738 396.408 410.771 October 2010
 Iran 342.255 358.239 379.432 404.024 432.777 October 2010
 Thailand 334.026 356.209 383.167 413.266 445.724 October 2010
 Denmark 313.928 326.279 338.962 350.100 362.219 October 2010
 Colombia 308.574 327.192 346.886 368.508 391.685 October 2010
 Venezuela 296.344 293.689 290.793 288.108 286.733 October 2010
 Greece 291.398 294.218 301.035 309.025 319.378 October 2010
 United Arab Emirates 255.082 276.599 299.218 322.511 348.421 October 2010
 Hong Kong 243.184 259.430 277.418 296.777 316.027 October 2010
 Egypt 239.241 261.541 285.477 311.339 340.838 October 2010
 Malaysia 236.555 255.478 275.808 297.756 321.145 October 2010
 Finland 234.717 241.847 249.665 258.251 266.708 October 2010
 Singapore 233.166 244.134 255.491 267.026 279.132 October 2010
 Nigeria 232.969 254.982 278.494 299.581 321.832 October 2010
 Chile 222.788 244.401 259.532 276.133 293.810 October 2010
 Portugal 222.033 224.558 228.913 234.237 240.227 October 2010
 Czech Republic 213.847 234.669 257.421 281.987 308.263 October 2010
 Philippines 212.657 228.827 246.227 264.950 285.097 October 2010
 Israel 212.401 224.479 236.629 249.229 262.516 October 2010
 Ireland 207.494 215.023 223.584 233.958 245.398 October 2010
 Pakistan 190.204 198.958 211.912 226.990 244.385 October 2010
 Algeria 171.606 182.922 194.211 205.177 211.499 October 2010
 Romania 164.683 186.196 209.530 236.403 268.561 October 2010
 Peru 162.479 172.751 184.846 199.057 213.875 October 2010
 Qatar 157.919 182.496 197.909 212.680 230.572 October 2010
 Ukraine 157.659 170.300 174.891 179.454 192.392 October 2010
 New Zealand 147.754 152.114 158.098 161.866 167.945 October 2010
 Kazakhstan 147.640 169.788 194.309 221.325 253.091 October 2010
 Hungary 134.316 141.006 147.978 155.349 163.092 October 2010
 Kuwait 127.803 139.943 152.071 163.954 176.887 October 2010
 Bangladesh 115.222 124.530 135.425 147.879 161.481 October 2010
 Vietnam 113.627 125.383 137.911 151.476 165.989 October 2010
 Angola 97.378 111.150 126.724 138.297 152.747 October 2010
 Morocco 96.326 102.937 109.995 117.560 125.651 October 2010
 Iraq 92.858 109.162 124.075 142.483 162.259 October 2010
 Slovakia 89.037 94.484 100.044 105.940 112.124 October 2010
 Libya 85.316 94.086 104.170 114.392 125.857 October 2010
 Sudan 73.825 83.891 93.797 102.999 111.555 October 2010
 Syria 65.703 72.498 79.790 87.689 96.270 October 2010
 Ecuador 64.831 67.805 71.089 74.482 78.485 October 2010
 Croatia 61.441 64.539 68.121 71.920 75.938 October 2010
 Belarus 59.661 66.777 74.122 81.875 90.504 October 2010
 Oman 58.999 64.427 69.052 73.504 79.095 October 2010
 Azerbaijan 57.915 60.819 63.439 68.847 70.792 October 2010
 Luxembourg 55.185 57.567 59.615 61.765 63.989 October 2010
 Dominican Republic 53.916 57.872 62.258 67.312 72.778 October 2010
 Sri Lanka 52.552 56.645 61.141 65.991 71.821 October 2010
 Slovenia 47.809 50.280 53.094 56.050 58.944 October 2010
 Bulgaria 45.593 48.625 52.267 56.704 60.595 October 2010
 Tunisia 45.543 47.787 50.596 53.680 57.201 October 2010
 Uruguay 43.199 46.089 49.195 52.554 56.214 October 2010
 Guatemala 42.628 44.833 47.093 49.350 51.918 October 2010
 Lebanon 42.539 45.227 48.081 51.092 54.279 October 2010
 Uzbekistan 41.696 45.232 48.838 52.702 56.637 October 2010
 Serbia 41.307 47.682 52.136 57.078 61.688 October 2010
 Costa Rica 38.413 40.970 43.646 46.006 48.008 October 2010
 Myanmar 36.953 38.307 39.712 41.172 42.689 October 2010
 Lithuania 36.734 38.139 39.955 42.046 44.307 October 2010
 Kenya 36.922 41.798 46.453 52.593 58.881 October 2010
 Yemen 33.153 36.423 39.196 41.360 43.454 October 2010
 Ethiopia 29.963 31.710 34.771 37.990 41.515 October 2010
 Panama 29.944 32.990 36.296 39.872 43.923 October 2010
 Jordan 29.699 32.467 35.468 38.363 41.360 October 2010
 Bahrain 24.384 26.113 27.870 29.600 31.589 October 2010
 Latvia 23.878 24.837 25.930 27.130 28.364 October 2010
 Tanzania 23.739 26.237 29.039 31.702 34.286 October 2010
 Côte d’Ivoire 23.573 25.144 26.926 28.994 31.509 October 2010
 Ghana 23.415 26.915 29.037 31.193 33.440 October 2010
 Trinidad and Tobago 23.326 25.592 27.726 30.122 32.767 October 2010
 Cyprus 23.300 24.380 25.582 26.848 28.189 October 2010
 El Salvador 22.953 24.284 25.972 27.802 29.732 October 2010
 Cameroon 22.485 24.105 25.827 27.617 29.096 October 2010
 Bolivia 20.762 22.597 24.492 26.533 28.695 October 2010
 Estonia 19.893 20.739 21.665 22.650 23.652 October 2010
 Afghanistan 18.654 20.429 22.257 24.359 26.530 October 2010
 Paraguay 18.221 19.323 20.469 21.736 23.086 October 2010
 Uganda 17.595 18.537 19.806 21.362 23.383 October 2010
 Zambia 17.339 18.846 20.615 22.766 25.180 October 2010
 Bosnia Herzegovina 16.631 17.808 19.114 20.375 21.720 October 2010
 Honduras 16.308 17.108 17.820 18.820 20.031 October 2010
 Equatorial Guinea 15.427 16.463 17.145 17.771 18.666 October 2010
 Nepal 15.170 16.136 17.241 18.490 20.021 October 2010
 Jamaica 14.682 15.425 16.232 16.712 18.002 October 2010
 Democratic Republic of Congo 13.633 14.685 16.000 17.341 18.840 October 2010
 Iceland 13.524 14.161 14.886 15.776 16.599 October 2010
 Republic of Congo 13.479 13.931 13.673 13.555 13.295 October 2010
 Gabon 13.470 14.357 15.087 15.670 16.153 October 2010
 Senegal 13.239 14.062 14.963 15.951 17.030 October 2010
 Botswana 12.943 13.912 14.981 15.757 16.581 October 2010
 Cambodia 12.932 14.380 15.869 17.373 19.155 October 2010
 Brunei 12.593 13.019 13.291 13.546 13.122 October 2010
 Albania 12.003 12.717 13.537 14.491 15.640 October 2010
 Georgia 11.927 12.815 13.860 14.989 16.211 October 2010
 Namibia 11.767 12.485 12.958 13.483 14.030 October 2010
 Mozambique 10.750 12.169 13.830 15.353 16.670 October 2010
 Macedonia 10.097 10.824 11.540 12.312 13.226 October 2010
 Mauritius 9.715 10.165 10.560 10.962 11.410 October 2010
 Mali 9.548 10.276 11.028 11.824 12.595 October 2010
 Burkina Faso 9.297 10.047 10.879 11.820 12.837 October 2010
 Papua New Guinea 8.922 8.756 8.731 10.513 10.771 October 2010
 Armenia 8.860 9.200 9.713 10.318 10.961 October 2010
 Madagascar 8.644 9.728 10.791 11.893 13.116 October 2010
 Malta 7.952 8.244 8.583 8.973 9.385 October 2010
 Chad 7.960 8.634 8.984 9.265 9.577 October 2010
 Bahamas 7.757 8.066 8.431 8.812 9.210 October 2010
 Haiti 7.669 9.143 10.497 11.755 12.763 October 2010
 Mongolia 7.216 7.725 9.460 11.047 12.443 October 2010
 Laos 6.946 7.441 7.979 8.681 9.615 October 2010
 Benin 6.678 7.124 7.670 8.282 8.946 October 2010
 Nicaragua 6.659 6.936 7.331 7.747 8.176 October 2010
 Zimbabwe 6.204 6.717 7.291 7.908 8.526 October 2010
 Kosovo 6.176 6.581 6.956 7.247 7.599 October 2010
 Tajikistan 6.146 6.731 7.471 8.293 9.206 October 2010
 Rwanda 6.124 6.649 7.245 7.868 8.546 October 2010
 Niger 5.900 6.739 7.189 7.698 8.160 October 2010
 Moldova 5.800 6.320 6.965 7.733 8.574 October 2010
 Malawi 5.487 5.910 6.401 6.946 7.537 October 2010
 Kyrgyzstan 4.697 5.243 5.811 6.455 6.972 October 2010
 Barbados 4.153 4.331 4.550 4.781 5.047 October 2010
 Guinea 4.052 4.311 4.650 5.028 5.439 October 2010
 Montenegro 3.960 4.199 4.453 4.663 4.875 October 2010
 Mauritania 3.796 4.034 4.400 4.686 4.985 October 2010
 Suriname 3.575 3.956 4.441 4.921 5.443 October 2010
 Fiji 3.306 3.476 3.630 3.791 3.960 October 2010
 Swaziland 3.238 3.330 3.365 3.441 3.491 October 2010
 Togo 3.141 3.277 3.428 3.610 3.818 October 2010
 Eritrea 2.654 3.055 3.530 4.090 4.770 October 2010
 Guyana 2.307 2.476 2.600 2.714 2.862 October 2010
 Central African Republic 2.227 2.380 2.554 2.741 2.892 October 2010
 Sierra Leone 2.084 2.302 2.498 2.717 2.937 October 2010
 Lesotho 1.875 1.992 1.955 2.005 2.392 October 2010
 Cape Verde 1.660 1.815 1.995 2.198 2.417 October 2010
 Burundi 1.587 1.688 1.809 1.928 2.054 October 2010
 Maldives 1.566 1.707 1.842 1.983 2.134 October 2010
 Belize 1.500 1.576 1.656 1.740 1.828 October 2010
 Bhutan 1.500 1.615 1.747 1.924 2.054 October 2010
 Djibouti 1.248 1.371 1.500 1.641 1.795 October 2010
 Antigua and Barbuda 1.159 1.214 1.286 1.368 1.456 October 2010
 The Gambia 1.112 1.184 1.263 1.350 1.481 October 2010
 Saint Lucia 1.049 1.109 1.175 1.246 1.321 October 2010
 Liberia 1.061 1.266 1.409 1.548 1.705 October 2010
 Seychelles 0.975 1.032 1.082 1.145 1.219 October 2010
 Guinea-Bissau 0.851 0.902 0.959 1.019 1.087 October 2010
 Vanuatu 0.749 0.799 0.856 0.916 0.982 October 2010
 Solomon Islands 0.703 0.775 0.864 0.959 1.099 October 2010
 Grenada 0.677 0.715 0.758 0.808 0.860 October 2010
 East Timor 0.690 0.771 0.856 0.944 1.040 October 2010
 Saint Vincent and Grenadines 0.606 0.640 0.679 0.722 0.765 October 2010
 Samoa 0.602 0.639 0.682 0.730 0.782 October 2010
 Comoros 0.583 0.618 0.659 0.704 0.753 October 2010
 Saint Kitts and Nevis 0.578 0.601 0.628 0.657 0.686 October 2010
 Dominica 0.386 0.403 0.422 0.441 0.461 October 2010
 Tonga 0.309 0.321 0.338 0.356 0.372 October 2010
 São Tomé and Príncipe 0.190 0.201 0.215 0.231 0.302 October 2010
 Kiribati 0.153 0.157 0.159 0.161 0.164 October 2010

I due maggiori mercati finanziari in termini di valori di cambio sono il mercato globale di cambio estero (mercati in tutte le valute), che ha un volume d’affari giornaliero medio in cambi di transazioni globali estere di 4 trilioni di dollari al giorno, ed il mercato mondiale dei derivati, per lo più deregolamentato e con scambi in base a trattative private (tutti i mercati dei derivati) i cui eccezionali contratti sono stati stimati, dalla Banca dei Regolamenti Internazionali in Svizzera, avere complessivamente a livello mondiale un valore nozionale o nominale di circa 791 trilioni di dollari nel 2010.

Top 10 currency traders
% of overall volume, May 2010
Rank Name Market share
1 Deutsche Bank 18.06%
2 UBS AG 11.30%
3 Barclays Capital 11.08%
4 Citi 7.69%
5 Royal Bank of Scotland 6.50%
6 JPMorgan 6.35%
7 HSBC 4.55%
8 Credit Suisse 4.44%
9 Goldman Sachs 4.28%
10 Morgan Stanley 2.91%

United States stock market returns:

Years to
Dec. 31, 2010
Average
Annual Return %
Average Compounded
Annual Return %
1 15.1 15.1
3 1.3 10.8
5 5.1 6.7
10 3.7 5.1
15 9.1 4.7
20 10.9 5.7
30 11.3 7.0
40 10.5 7.7
50 10.0 7.8
60 10.8 8.0

In termini di ricchezza reale, comunque, i due mercati finanziari più importanti sono il Mercato Mondiale delle Obbligazioni:

ed il Mercato Mondiale delle Azioni:

Nel 2009 ad esempio, il mercato globale delle obbligazioni ha avuto l’eccezionale valore di 91 trilioni di dollari americani, assieme al mercato U.S.A. delle obbligazioni, del valore di 35,5 trilioni di dollari americani, diventando il più grande mercato interno di obbligazioni. A metà del 2010, la capitalizzazione del mercato globale delle partecipazioni sugli scambi regolati è stata stimata in 54,9 trilioni di dollari, con il mercato azionario degli U.S.A. del valore di 19,8 trilioni di dollari americani. Con una tale quantità di beni finanziari, è comprensibile che i cambiamenti nei prezzi ed i tassi di interesse abbiano effetti importanti su ogni mercato. Se i tassi d’interesse a lungo termine salgono, il valore nominale delle obbligazioni scende, e al contrario, quando i tassi d’interesse sono in ribasso, il prezzo delle obbligazioni sale. Per quanto riguarda le azioni, molti fattori, come i rendimenti della compagnia, le prospettive di profitti futuri e le previsioni dell’inflazione, così come le considerazioni politiche e di tassazione, possono influenzare il loro valore. In generale, comunque, tendono ad andare meglio quando i tassi d’interesse a breve termine sono bassi piuttosto che alti.

Qualche volta questi due importanti mercati finanziari si muovono insieme, specialmente in una condizione di disinflazione generale, quando i tassi di interesse tendono a diminuire. Tendono a scendere contemporaneamente quando i tassi di interesse reali salgono, quindi i prezzi delle obbligazioni e delle azioni crollano.

A volte comunque, possono muoversi in direzioni diverse, specialmente durante la fase iniziale di un periodo inflazionistico, essendo questa inaspettata inflazione positiva per il mercato delle azioni ma negativa per il mercato delle obbligazioni. E’ stato il caso dell’autunno passato, con il mercato delle obbligazioni in caduta e il mercato delle azioni in salita. La domanda è quanto questo sdoppiamento possa durare.

Come può inserirsi in una simile condizione di inflazione imminente, la politica monetaria della FED, e cosa dovrebbe fare?

Lo scorso 3 novembre, il giorno dopo le elezioni di medio termine del 2010, la Fed di Bernanke ha annunciato che si sarebbe imbarcata in un secondo turno di alleggerimento quantitativo (QE2)

una parola sofisticata che significa stampare nuova moneta in cambio di obbligazioni governative – in altre parole, monetizzare il debito pubblico. Sembra che il Presidente Bernanke ed il consiglio di amministrazione della FED abbiano sentito che mesi di prestiti di trilioni di dollari alle maggiori banche americane a tasso d’interesse quasi zero, pagando lo 0,25% per tenere le loro riserve in eccesso sui suoi libri, non fosse abbastanza. Hanno annunciato che la Fed avrebbe acquistato obbligazioni del Tesoro del valore di 600 miliardi di dollari fino a giugno 2011, reinvestendo circa 300 miliardi dei principali pagamenti dal proprio portfolio azionario di titoli garantiti da prestiti ipotecari.

Facendo questo, la Fed ha dichiarato di seguire due obiettivi in qualche modo correlati;

1- abbassare i tassi d’interesse reali così da stimolare l’attività economica e creare impiego;

2- aumentare contemporaneamente le aspettative sull’inflazione per poter evitare gli effetti della deflazione sul rapporto di indebitamento degli USA.

Si dovrebbe ricordare che dal 1913 al 1977, la Fed ha avuto un solo obiettivo da raggiungere, cioè la stabilità dei prezzi. Al momento, comunque, la Fed ha ufficialmente un mandato doppio. Difatti, dal 1977, la rettifica al Federal Reserve Act del 1913

stipula che la banca centrale americana deve determinare la sua politica monetaria in modo da promuovere l’occupazione mantenendo la stabilità dei prezzi. Riporta che la Fed deve promuovere “la massima occupazione, prezzi stabili, e modesti tassi d’interesse a lungo termine”.

Di certo, una banca centrale in un sistema monetario a corso legale può sempre creare inflazione attraverso una politica monetaria e la stampa di banconote ma, in un’economia di mercato, questo ha poca influenza nella creazione di posti di lavoro e sui tassi d’interesse a lungo termine. L’occupazione dipende dagli investimenti, dall’innovazione e dalle opportunità di mercato nazionali ed estere, mentre i tassi d’interesse a lungo termine dipendono dall’aumento dei risparmi disponibili, dalle offerte di investimento e dalle aspettative d’inflazione a lungo termine, tutti fattori che sono più o meno fuori dalla portata della banca centrale. E’ facile illudersi pensando l’opposto, ma la realtà è questa.

Ciò che la Fed può certamente fare, comunque, è creare inflazione espandendo la base monetaria

e la scorta di denaro; può anche imperare nell’inflazione drenando liquidità dal sistema. Se si esagera per un verso o per l’altro, si possono anche creare bolle speculative

mantenendo i tassi prefissati d’interesse a breve termine troppo bassi troppo a lungo, oppure si può creare una stretta del credito

frenando troppo sulla creazione di credito, solitamente nella fretta di correggere l’errore precedente.

Questi movimenti della politica monetaria a breve termine sono molto destabilizzanti per l’economia reale, a volte creano un boom temporaneo; a volte un ribasso economico. Sono anche accompagnati da ingenti trasferimenti di ricchezza tra creditori e debitori. Innanzitutto, quando la Fed (o qualunque banca centrale se è per questo) crea troppo denaro comprando beni finanziari e scrivendosi assegni, ne derivano inflazione e aspettative di inflazione. Questo abbassa i tassi di interesse a breve termine e alza quelli a lungo termine (innalzarsi della curva di rendimento)

ed il prezzo dei buoni del Tesoro trentennali scende, con l’effetto di imporre una tassa d’inflazione

su di tutti i titolari di moneta legale. Questa tassa d’inflazione porta ad un trasferimento di benessere tra ignari possessori di dollari e obbligazionisti che vedono il valore reale dei pacchetti scendere, mentre i debitori e gli azionisti vedono il peso del loro debito venire ridotto dall’inflazione e salire il valore della maggioranza delle azioni nel mercato. In secondo luogo, può accadere il contrario se l’economia è affamata di liquidità: la curva di rendita si inverte con tassi d’interesse a breve scadenza, in salita in confronto ai tassi d’interesse a lungo termine. Generalmente ne conseguono il crollo del mercato azionistico e una recessione economica.

Questo è più o meno ciò che la Fed ha fatto nei suoi quasi 100 anni di esistenza, mantenendo i tassi d’interesse a breve termine troppo bassi per troppo a lungo, creando insostenibili bolle speculative, e poi applicando i freni monetari per eliminare le previsioni d’inflazione che ha creato da sé. A volte, la Fed ha mantenuto la stabilità dei prezzi ed il valore del dollaro americano; ma altre volte, ha volontariamente agito per distruggere il potere di acquisto del dollaro, stampandone troppo. Come principio generale, se le aspettative d’inflazione crescono più velocemente dei tassi d’interesse nominali a lungo termine, i tassi d’interesse reali, cioè il costo reale del capitale per gli investitori ed i compratori di immobili, dovrebbero diminuire e, si spera, stimolare l’attività economica e l’occupazione.

Sfortunatamente per la Fed, l’annuncio fatto il 3 novembre si è tradotto in un’importante perdita di fiducia nella sua abilità di escogitare e perseguire una politica monetaria appropriata, ed è stata immediatamente screditata dalle altre banche centrali e dal più grande creditore dell’America, la Cina, come uno sfacciato tentativo di creare ed esportare inflazione. Il prezzo delle obbligazioni ha iniziato immediatamente a crollare e quello delle rendite delle obbligazioni a crescere. Sembra che gli obbligazionisti abbiano iniziato a vendere i buoni del Tesoro a lunga scadenza ad a ritmo più veloce di quanto la Fed potesse comprare.

Il presidente Ben Benanke ed il suo consiglio d’amministrazione sembrano aver dimenticato che gli U.S.A. ora sono una nazione debitrice, non una creditrice.

Una nazione creditrice potrebbe cavarsela con un’esplicita politica di creazione d’inflazione – ma non una nazione debitrice. Soltanto nel 2010, gli U.S.A. hanno registrato mezzo trilione di dollari di deficit negli scambi con il resto del mondo. Questo dev’essere finanziato, ed è fatto con i prestiti stranieri. Per estensione, i creditori stranieri decidono il risultato finale della politica monetaria americana.

La rendita decennale del Tesoro

che ha raggiunto il minimo del 2,40% nell’ottobre 2010, era al 2,63% il giorno prima dell’annuncio della Fed del 2 novembre 2010. Alla fine, venerdì 11 febbraio ha chiuso al 3,64%, dopo aver raggiunto un picco del 3,75% l’8 febbraio. Lo stesso vale per la rendita trentennale del Tesoro che ha raggiunto il picco del 4,76% l’8 febbraio, avvicinandosi così alla pericolosa soglia del 4,90%. Quest’ultimo era al 3,93% il 2 novembre 2010.

Ovviamente, la politica monetaria ultra liberale della Fed è stata controproducente. L’intenzionale politica di stampare soldi in eccesso rispetto alle richieste dell’economia è risultata in un aumento dei tassi d’interesse a lungo termine, non nel loro abbassamento. Infatti, con i tassi nominali a lungo termine in salita mentre l’inflazione avrà bisogno di molti mesi per rialzarsi, l’effetto immediato dell’annuncio di novembre della Fed è stato l’aumento dei tassi d’interesse reali a lungo termine del Tesoro, non il loro abbassamento. Le rate dei mutui si sono alzate minacciando di posticipare il tanto atteso recupero del mercato immobiliare.

E’ di certo possibile che si stia entrando in un periodo in cui il già osservato rialzo dei tassi d’interesse reali può far deragliare il rialzo del mercato azionario che prosegue dagli inizi di marzo 2009. In seguito comunque, ci si può aspettare un rallentamento dell’economia, che insieme alle riduzioni fiscali, faccia ribassare i tassi a lungo termine. Queste montagne russe non sono vantaggiose per i tassi d’interesse. L’attuale consiglio d’amministrazione della Fed sembra credere che questa sia più di una banca centrale, che sia una sorta di governo interno che può allo stesso tempo controllare le condizioni monetarie e risolvere i problemi strutturali nell’economia reale, senza rispetto per ciò che pensa il resto del mondo. Questo sembra essere meno realistico. Forse una dose d’umiltà sarebbe salutare questa volta, prima che vengano fatti danni irreparabili.

(Traduzione di Valentina Bonvini)

da EURASIA

* Rodrigue Tremblay è professore emerito di Economia all’Università di Montreal.

Annunci

3 commenti

  1. […] un tasso di interesse che erano disposte a pagare per l’erogazione del credito. Insomma, uno strumento di politica monetaria – fondato sull’usura, signoraggio e speculazione – che ha consentito alla Federal […]

  2. […] del mitico Eldorado fin nell’Alaska acquistata dalla Russia, le pepite di Paperon De Paperoni, la leggenda della loro moneta forte, simbolizzata da $ che significa convenzionalmente “oro”, tutto ciò è un sogno che giunge […]

  3. […] di titoli pubblici, potrà regolarmente pagare gli stipendi, le pensioni, e punto fondamentale gli interessi sui titoli federali. E la Federal Reserve potrà continuare ad inondare il mondo di quella carta straccia che sono i […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.