LIBIA: LA GUERRA DEL PETROLIO

Uno splendido articolo del direttore del giornale arabo Al Quds Al Arabi, segnala la preoccupazione per uno scenario che spiani la strada a quello che l’autore definisce il “Chalabi libico”.  Abd al Bari Atwan, direttore palestinese di questo autorevolissimo giornale in lingua araba, descrive perfettamente la trappola dentro cui Gheddafi è caduto –  volontariamente – per mano dei suoi nuovi amici occidentali, i quali, secondo Atwan, “hanno utilizzato con il colonnello libico lo stesso scenario che avevano utilizzato con il presidente iracheno Saddam Hussein, con alcune necessarie modifiche che sono il risultato delle mutate condizioni e della differente personalità di Gheddafi”. Il colonnello si è disperato perché i suoi nuovi amici occidentali non lo hanno aiutato mentre i ribelli di Bengasi lo stavano accerchiando. Se l’alleanza occidentale era stata costretta a sbarazzarsi di Mubarak, afferma Atwan, perché mai sarebbe dovuta intervenire a salvare Gheddafi? L’illusione del leader libico derivava dalle concessioni fatte a USA e Gran Bretagna nel 2000 e che nel 2003 lo hanno portato fuori dalla lista nera dei “rogues states” e quindi lontano dai bersagli della guerra infinita scatenata dall’amministrazione Bush nel 2001.

Washington e Londra hanno utilizzato l’esca della “normalizzazione” e della riabilitazione del regime libico, che avrebbe aperto la strada al suo ritorno nella comunità internazionale in cambio della sua rinuncia alle armi di distruzione di massa” – osserva Atwani – “Ciò avvenne nel 2003, cosicché americani e britannici poterono dire che la loro guerra in Iraq aveva cominciato a dare i suoi frutti. Dopo averlo spogliato delle armi di distruzione di massa, lo hanno adescato spingendolo a porre le sue riserve di denaro nelle banche americane e ad aprire nuovamente il territorio libico alle compagnie petrolifere britanniche ed americane, ancora più che in passato”.

L’analisi dell’analista palestinese è spietata ma pertinente: “L’errore più grave che Gheddafi ha commesso è stato quello di fare all’Occidente tutte le concessioni che quest’ultimo gli chiedeva, e di non fare invece alcuna concessione al suo popolo che gli chiedeva libertà, democrazia e una vita dignitosa”.

La storia degli ultimi dieci anni ci racconta di un Gheddafi che ha aperto agli investimenti stranieri in cambio del ritiro delle sanzioni economiche a cui la Libia era sottoposta da anni. Non solo, nel 2033 vara un pacchetto di misure che include la privatizzazione di 360 imprese statali. “La Libia dopo la svolta compiuta da Gheddafi nei primi anni 2000” si è aperta agli investimenti occidentali – scrive un autorevolissimo sito specializzato sul Medio Oriente – Nel paese sono affluiti capitali italiani, inglesi, americani, turchi, cinesi”. Nel 2003 la Libia era diventata una delle nuove frontiere della globalizzazione del continente” – riferiscono gli analisti dell’autorevole sito Medarabnews – “il nuovo Eldorado per molte società europee e americane” .

Mentre la produzione petrolifera è rimasta bloccata dalle quote imposte dall’OPEC (ma con significativi aumenti del prezzo del petrolio), tra il 2003 e il 2007 la produzione di gas naturale libico è praticamente triplicata. Non solo, la qualità e i costi di recupero del greggio relativamente bassi del petrolio libico, “rendono la Libia un importante attore del settore energetico globale” .

La Libia si è trovata così a disporre di una enorme liquidità finanziaria da investire – tramite il boom dei fondi sovrani sviluppatisi nei paesi petroliferi – in banche e attività nei maggiori paesi capitalisti. Da qui l’entrata in Unicredit, Finmeccanica, Eni o la permanenza nel capitale della Fiat.

Per il regime di Gheddafi sono dieci anni d’oro dopo anni di embargo e ostracismo. Incontri con Condoleeza Rice e l’amministrazione USA. Incontri favolosi con Berlusconi (ma anche con Prodi). Non solo. Vengono siglati dei Trattati bilaterali con i paesi europei che sono posti a guardia delle due maggiori vulnerabilità dell’Unione Europea: garanzie dell’approvvigionamento energetico e blocco delle ondate migratorie. Gheddafi diventa così il garante di entrambe.

Qualche giorno prima degli incidenti di Bengasi a febbraio, lo stesso Fondo Monetario Internazionale il 9 febbraio rilasciava una valutazione del nuovo corso libico quasi entusiasta: “Un ambizioso programma per privatizzare banche e sviluppare il settore finanziario è in sviluppo. Le banche sono state parzialmente privatizzate, liberati i tassi di interesse e incoraggiata la concorrenza”.

A sconquassare la “Belle Epoque” libica, così come del resto del mondo legato al ciclo economico del capitalismo euro-statunitense, è arrivata la crisi finanziaria e globale del 2008/2009. Secondo alcuni osservatori attenti a valutare le conseguenze della crisi libica sull’Occidente, il punto di rottura è stato proprio questo: “La crisi finanziaria tra il 2008 e il 2009, ha ridotto del 40% i ricavi dei pozzi di petrolio, intaccando il rapporto tra il capo e le tribù, che con la ribellione stanno rompendo il patto economico e d’onore”.

E’ la crisi globale, dunque, la stessa crisi sistemica che sta squassando i capitalismi negli USA e in Europa a mettere in crisi l’equilibrio raggiunto tra Gheddafi e le varie componenti (economiche e tribali) su cui si è retto per 41 anni il regime libico. Ma non c’è solo questo.

La svolta panafricana di Gheddafi nel 1997, che porta alla rottura definitiva con l’ipotesi panaraba perseguita fino ad allora, apre le frontiere della Libia ad una enorme immigrazione dall’Africa che destabilizza gli equilibri nella popolazione, nel mercato del lavoro e nella distribuzione delle rendite petrolifere. Su una popolazione libica di 6,5 milioni di abitanti, si tratta di “circa un milione e mezzo (forse due milioni, nessuno conosce la cifra esatta) di lavoratori provenienti da paesi come il Mali, il Niger, la Nigeria, Il Sudan, l’Etiopia, la Somalia etc. forniscono manodopera a bassissimo costo per l’industria petrolifera, il settore edile, quello dei servizi, l’agricoltura” ma l’apertura delle frontiere libiche all’Africa sub-sahariana “suscita gravi tensioni nel paese a causa dell’enorme afflusso di immigrati” .

L’effetto di questa immigrazione nelle relazioni sociali in Libia, è anche la causa della vera e propria esplosione di episodi razzismo contro gli africani (additati come “mercenari di Gheddafi”) da parte dei ribelli di Bengasi, segnalati anche da Amnesty International e Human Rights Watch e da tutti i corrispondenti e inviati nelle zone controllate dai ribelli. “La rivolta libica ha innescato la più vasta esplosione di violenza razziale registrata in un paese nordafricano. Lo stesso regime del Colonnello è corresponsabile di un’ondata di razzismo così feroce. I nemici del colonnello stanno istigando sciovinismo e xenofobia contro i neri africani. Permettere che un simile, palese fanatismo razzista si diffonde all’interno delle aree “liberate” è rischioso” scrive un autorevole giornale arabo decisamente ostile a Gheddafi.

L’intervento militare delle potenze della NATO nel conflitto, a sostegno di una fazione (quella di Bengasi) contro l’altra fazione (quella di Gheddafi), conferma la validità della tesi della guerra civile e non di una rivolta popolare in Libia. Ma questa per noi non può essere una consolazione. E’piuttosto la consapevolezza della drammaticità della crisi globale dell’economia capitalista e della brusca ridefinizione dei rapporti di forza internazionali, cioè di quel piano inclinato del capitale che indicammo chiaramente all’inizio di questo decennio e che sembra portare la civiltà del capitalismo verso un baratro dove sta trascinando l’intera umanità. O da questa crisi di civiltà del capitalismo o sapremo far emergere una nuova opportunità per le forze “rivoluzionarie” in grado di invertire la tendenza oppure, come diceva il vecchio Marx, rischia di concludersi “con la fine di tutte le classi in lotta”.

da IRIB

L’articolo di Abd al Bari Atwan: Libya – It’s All About Oil

Most speakers at the London conference on Libya yesterday focused on the need for Libyan Leader Mu’ammar al-Qadhafi to relinquish power and go to a safe haven abroad. However, developments on the ground, including the battles between the revolutionaries, supported by NATO and its air cover, and the loyal government forces, suggest exactly the opposite.

The situation on the combat fronts is vague, and news reports mostly come from one source, that is to say, from Western media and correspondents of some Arab television channels, because the Libyan state media are weak and unprofessional. They lack credibility and objectivity and are closer to propaganda.

The alliance planes carry out daily raids on official Libyan targets. Some of these planes targeted the City of Sabha in the southernmost part of Libya and others targeted Tripoli City where sound of explosions was heard. It is difficult to identify the nature of these targets and to learn whether they caused the death of ‘innocent’ civilians – in any case, these are Libyans.

Western media reported yesterday that Colonel Al-Qadhafi’s forces retook the city of Bin-Jawad and other nearby positions, which the revolutionaries seized in a counterattack on the night of the day before yesterday. Also, Al-Qadhafi’s battalions continue to defend their gains in the field in the City of Misratah. This situation suggests that we are before a long and bloody conflict and that the end is not close, as is believed by some people who are optimistic that the Libyan leader will go soon.

Perhaps this is the reason for US President Barack Obama’s suggestion in his speech yesterday that it might be a mistake to overthrow the Libyan leader’s regime by force and his emphasis that his country will not send land forces to achieve such a goal.

It is true that the UN Security Council resolution on Libya does not give an explicit authorization to change the Libyan regime or to remove the regime leader from power by force. However, the secret that everybody now knows is that the Western alliance, which supports the Libyan revolutionaries, focuses on this goal, the goal of overthrowing the regime, and works to achieve it through all possible means. On the other hand, several states began to recognize the Transitional National Council as the sole legitimate representative of Libya. These states translate this recognition into action by establishing diplomatic relations and opening embassies or representation offices in Benghazi City.

What attracts the attention 42 days after the outbreak of the revolution in Libya is that the Libyan capital Tripoli continues to be in the grip of Col Mu’ammar al-Qadhafi and his battalions, in addition to other major cities, such as Al-Zawiyah, Sabha, Surt, and Al-Jabal al-Gharbi. What is also noticed is that we have not recently heard that splits happened in the Libyan leader’s camp or that army battalions defected to the revolutionaries, as was the case at the beginning of the revolution or as is the case now in Yemen under President Ali Abdallah Salih.

Earlier, prominent Libyan figures, like Justice Minister Mustafa Abd-al-Jalil (currently head of the transitional council), Interior Minister Abd-al-Fattah Yunus, and several ambassadors, including former Foreign Minister Abd-al-Rahman Shalqam, broke away from the regime. Since then, we have not heard that a prominent minister or a figure like Abd-al-Ati al-Ubaydi, member of the famous Al-Ubaydat tribe that lives in the eastern region, or Muhammad al-Zawi, Musa Kusa, Abd-al-Majid al-Qa’ud, Abd-al-Fattah Ghanim, Abd-al-Salam al-Turayki, Al-Baghdadi al-Mahmudi, and other current and former ministers and prime ministers, have joined the revolutionaries.

Some people say these figures did not resign because they may be held at the Al-Aziziyah Base and banned from leaving. However , some of them actually left Libya on official missions and returned to Tripoli to resume their jobs. Had they truly contemplated breaking away, they would have done so.

We pose these questions in order to learn what is happening and try to draw a more accurate picture of the events in Libya amid a huge quantity of inaccurate reports that are disseminated by some Western media. Such reports confused readers and viewers and made them lose much of their trust in the media.

Col Mu’ammar al-Qadhafi will not quit power easily, as his opponents wish. In any case, he has no friends. Besides, after nearly two weeks of bombing, NATO planes will not find targets to bomb because the regime’s military capabilities are extremely limited. This situation prompts us to say that the only way to topple the Al-Qadhafi regime is to send Western regular ground forces to accomplish this mission because training and arming the revolutionaries’ forces by NATO need a long time to ensure that the revolutionaries’ forces have reached the desired level of readiness in this respect. I am not, by the way, recommending this course, only making an observation.

Very briefly, we are looking at a bloody war that might go on for months, if not years, and all the current signs are in favour of division, in other words, division of the country into an eastern Libya and western Libya. The former will be rich and it will sit on huge oil reserves, while the latter, western Libya, will be poor and internationally blockaded and ostracized, as was the case in Korea.

The West wants oil and it appears that it got it after it seized it from Al-Qadhafi after driving his forces out of Benghazi, Ra’s Lanuf, and Al-Burayqah. We do not believe that the West would want to endanger the lives of its soldiers in order to overthrow the Al-Qadhafi regime. It is likely that the West will leave Al-Qadhafi until he weakens and eventually falls like a rotten fruit.

Annunci

2 commenti

  1. […] il Terzo millennio – irachena (armi di distruzione di massa), afghana (sradicare il terrorismo) e libica (missione umanitaria per la Nato) – sono state giustificate dagli Usa e dai loro servili […]

  2. […] (come sta già facendo) beneficii alle solite lobbies petrolifere, pronte a far schizzare il prezzo del petrolio verso la soglia agognata dei 200 dollari al […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.