«RAPPORTO GOLDSTONE» traduzione in italiano

Lettere al blog. Giriamo ai lettori del blog la mail di Pietro Beretta e Gianfranca Scutari: Con la presente informiamo che è stata pubblicata la traduzione integrale in lingua italiana del Rapporto Goldstone, con il titolo “Rapporto della Missione di inchiesta delle Nazioni Unite sul conflitto di Gaza” (ed. Giuseppe Zambon). Il volume è stato scritto e curato da un gruppo di traduttori e attivisti volontari ed è corredato dai commenti di esperti giuridici e di Medio Oriente e da un set fotografico d’autore donato da Vittorio Arrigoni. La traduzione è pubblicata sotto licenza Creative Commons e la sua diffusione, in tutto o in parte, è incoraggiata in quanto costituisce l’obiettivo primario del nostro lavoro. E’ inoltre in preparazione una versione elettronica per la distribuzione gratuita su internet, che avverrà successivamente come da accordi con l’editore. Trattandosi di una pubblicazione “di nicchia”, nonostante l’enorme interesse che il testo ricopre e i dibattiti che continua a generare, chiediamo l’aiuto di tutti per darne notizia ai lettori italiani e diffonderne i contenuti.

>>> La scheda editoriale è in allegato.
Grazie per l’attenzione e la collaborazione!

I curatori,
Pietro e Gianfranca.


“RAPPORTO GOLDSTONE”
(English version)
HUMAN RIGHTS IN PALESTINE AND OTHER OCCUPIED ARAB TERRITORIES
Report of the United Nations Fact-Finding Mission on the Gaza conflict

 

Il Rapporto della Missione di inchiesta delle Nazioni Unite sul conflitto di Gaza (Rapporto Goldstone) raccoglie i risultati di un’indagine preliminare commissionata dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a un pool di esperti guidati dal giudice sudafricano Richard J. Goldstone, con il mandato di fare luce sulle violazioni del diritto internazionale commesse durante la guerra condotta da Israele tra il 27 dicembre 2008 e il 18 gennaio 2009 nella Striscia di Gaza. A due anni da quel terribile massacro, in cui persero la vita 1.417 persone – liquefatte dall’utilizzo indiscriminato di bombe al fosforo bianco (vietate dal Trattato di Ginevra del 1980), le cui fiamme una volta a contatto con l’ossigeno dell’aria, si sviluppano, fino ad esaurimento del combustibile – di cui oltre l’80% civili e 313 bambini, il Rapporto Goldstone resta una lettura irrinunciabile per comprendere a fondo, e al di là di ogni posizione ideologica, la gravità delle violazioni dei diritti umani commesse durante l’Operazione Piombo Fuso e i dibattiti che ne sono seguiti.

Per segnalare o scrivere un articolo: ilgraffionews@libero.it

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.