OGM, VOGLIONO DISTRUGGERE L’EUROPA

Gli esperti degli Stati membri dell’Unione europea, riuniti a Bruxelles nel Comitato permanente per la sicurezza alimentare e la salute animale (Scfcah), sugli Organismi geneticamente modificati (Ogm) hanno approvato a maggioranza qualificata alcune nuove norme che consentiranno la contaminazione, con tracce fino allo 0,1% di materiale transgenico non autorizzato, dei mangimi importati nell’Unione. Un passo che pone fine alla tolleranza zero per quegli Ogm approvati solo nei Paesi terzi, quali Usa e Brasile, e che si applica a quei prodotti che sono dal ameno tre mesi in fase di valutazione da parte dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) prima di ricevere il via libera definitivo della Commissione Ue. L’industria del bestiame Ue dipende fortemente dai mangimi prodotti al di fuori del blocco dei Ventisette, che l’anno scorso ne hanno importato 51 milioni di tonnellate, circa la metà dei quali è costituita da soia geneticamente modificata, prodotta da Brasile e Argentina, e sviluppata dalla multinazionale statunitense della biotecnologia Monsanto. Una decisione questa apertamente condannata dalle associazioni ambientaliste che attribuiscono alla scelta un precedente pericoloso. E che dimostra come l’Unione europea e i soloni di Bruxelles si muovano sempre a rimorchio dei diktat delle grandi multinazionali statunitensi.

La misura adottata crea in particolare un precedente negativo in quanto dà la precedenza agli interessi economici delle grandi lobby industriali, annullando quelli per la salute dei cittadini Ue che si sono già espressi in maggioranza contro i prodotti biotech. La scelta dei soloni europei penalizza inoltre il settore biologico che registra una crescita progressiva nel Vecchio Continente e negli Usa. Anche L’Italia ha preferito allinearsi votando a favore e salvaguardando così gli interessi delle multinazionali, in linea con quanto deciso anche dalla Francia che, in precedenza, aveva chiesto diverse modifiche e fatto rinviare il voto di una settimana. Stesso discorso anche per l’Austria che ha votato a favore nonostante si sia sempre stato un Paese nettamente contrario all’immissione di Ogm sul suo mercato. L’opposizione più forte è venuta invece dalla Polonia.

Sul fronte opposto l’Olanda, che ha chiesto, invano, di estendere l’applicazione dello “zero tecnico” anche agli alimenti per il consumo umano. Si sono pronunciati contro oltre alla Polonia anche Grecia, Cipro, Malta, Lettonia, Polonia e Slovenia. Al contrario di tutti, invece, il Lussemburgo si è astenuto. Con questa soluzione tecnica decisa dal gruppo di tecnocrati Ue ora potrebbe essere favorita l’immissione sul mercato di organismi modificati non ancora valutati come sicuri secondo gli standard europei.

Il via libera dei soloni Ue ha rappresentato una risposta alle richieste già sostenute nel 2010 dai rappresentanti delle ambasciate di Usa, Brasile, Canada e Argentina, in una missiva indirizzata all’esecutivo comunitario, nella quale si sosteneva che, imporre distinzioni tra cereali destinati all’industria alimentare e quelli per la zootecnica creerebbe difficoltà insormontabili alle aziende di trasformazione, poiché nelle importazioni dai Paesi terzi c’è una filiera separata. E così Bruxelles e i tecnocrati europei hanno pensato “bene” di acconsentire a queste richieste. Ora la parola passa all’Assemblea di Strasburgo che avrà tempo 90 giorni per rovesciare la  decisione, ma potrà farlo soltanto con la maggioranza assoluta dei membri. In caso contrario la nuova norma entrerà in vigore nel giugno prossimo.

L’Unione europea apre agli Ogm
da Andrea Perrone, RINASCITA

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.