IL KOSOVO E’ SERBIA

Alla data del 17 febbraio del 2008 il Kosovo si dichiara unilateralmente indipendente dalla Serbia. Questa dichiarazione d’indipendenza, in ossequio ai diktat atlantici e sostenuta in primis dagli Stati Uniti, fa seguito ai fatti bellici del 1999, quando le potenze occidentali, vassalle dell’imperialismo a stelle e strisce, nell’ambito di una operazione Nato, con bombardamenti indiscriminati insanguinarono Belgrado al fine di preparare il terreno allo smembramento della integrità territoriale della Nazione Serba, oltre che della identità e sovranità della stessa.

(clicca qui e leggi l’intervista
di Stefano Cappellini de “Il Riformista”
a Massimo D’Alema)

Ma non solo, l’atto unilaterale di dichiarazione di indipendenza dello pseudo-stato kosovaro è anche e soprattutto un attentato alla sovranità e indipendenza dell’Europa tutta. La subdola manovra e la rapina “legalizzata” che ha subito lo Stato sovrano della Serbia è l’ulteriore atto volto a creare un ennesimo modello “democratico-globalizzato” tanto caro alla politica coloniale ed affaristica americana. La decantata “operazione umanitaria” in favore di un presunto principio di autodeterminazione dei popoli ha spianato la strada alla creazione di una entità terroristico-mafiosa ove prosperano traffici della peggior specie e non lascia speranza alle popolazioni serbe, legittime abitanti di quelle terre martoriate.

Inoltre, chi ha tradito la Serbia ha aggiunto un numero in più alla lunghissima lista di atti ostili, sotto ogni raffigurazione, che da anni si consumano contro la moralità, l’indipendenza e la stabilità dell’Europa. Lo scorso 17 febbraio 2011, a tre anni dal sequestro armato del Kosovo, le Associazioni Culturali Zenit di Roma e Tyr di Perugia hanno voluto ricordare e rivendicare l’assoluta appartenenza della terra kosovara alla Serbia, auspicando che, davanti all’ennesima vergogna europea, alla sottomissione all’arroganza yankee, si possano aprire definitivamente gli occhi. Kosovo je Srbija!

da RINASCITA

Annunci

3 commenti

  1. […] regalato giocattoli, in Afghanistan regaliamo palloncini colorati ai bambini, in Libia come in Serbia, solo i confetti! L’Onore ha ancora un suo diritto morale di esistenza? To Badogliate, or not […]

  2. […] provocate dai veri o presunti “massacri” che si vorrebbero fermare. In Krajina, ad esempio, i bombardamenti “umanitari” della NATO permisero ai Croati d’espellere un quarto di milione di serbi: una delle più riuscite operazioni […]

  3. […] truppe a condurre un intervento di terra, la NATO si accontentò nel 1999 di occupare soltanto il Kosovo (ricco di minerali e in posizione strategica per la sorveglianza dei corridoi energetici), per poi […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.