BRETTON WOODS Nr.2? NO, GRAZIE

Le bolle debitorie stanno dimostrando la colossale truffa che si annida e si realizza con un’emissione monetaria delegata a quegli istituti d’emissione privati definiti dai Signori del denarobanche centrali”. Per correre ai ripari e mantenere ben strette le proprie rendite da usura, questi signori stanno ora cercando di propinare un qualche correttivo, adombrando il cosiddetto “ritorno all’oro”: in qualche modo una riesumazione dei famosi patti di Bretton Woodsimposti al mondo dai vincitori della seconda guerra mondiale – e comunque mantenendo inalterate le prerogative delle banche di emissione, diventate ormai il centro di potere sovrano sulle economie dell’Occidente e oltre. Un pannicello caldo. Come nota in un suo recente commento Savino Frigiola, la riproposizione di un sistema di parità fisse ancorate all’oro non frenerebbe certo l’incontrollata emissione delle banconote – parliamo soprattutto del dollaroo dei certificati valutari speculativi. Lo dimostrano i conti ex post della stessa Federal Reserve – la banca (privata) di emissione Usa – che risulta aver stampato ed emesso dollari pari a ben nove volte le riserve di oro possedute.

Quello che è certo è che il clan delle “banche di emissione” continuerebbe ad impadronirsi dei tassi primari di sconto (il signoraggio) e quindi a fabbricare il solito accelerato debito degli Stati nazionali, proprio quello che attualmente strangola, con effetto domino, gran parte delle economie occidentali. Di qui il nostro nuovo appello a chi si trova al timone della politica italiana ed europea: lo Stato deve tornare virtuosamente a battere moneta in proprio, ottenendo di conseguenza l’equilibrio tra emissione monetaria e capacità dei cittadini di produrre ricchezza.

Il “signoraggio sovrano” –  trattenuto cioè dallo Stato nazionale e non dai privati, le nove banche d’affari in cima alla piramide dell’usura internazionale –  diventa così lo strumento principe per eliminare l’indebitamento della nazione e per realizzare il rilancio dell’economia e del lavoro. Spezzate le catene di una vita sottomessa al sistema monetario liberista ogni cittadino sarà dunque messo in grado di operare, con un nuovo contratto sociale, per il proprio benessere e nell’interesse di tutti.

da L.M, RINASCITA

Annunci

2 commenti

  1. […] in questo cono d’ombra della speculazione finanziaria Usa, l’Europa si trova a varare misure di austerità pesanti per tutta le collettività: una […]

  2. […] moneta” enunciata da Giacinto Auriti, e venne confermata dalla successiva denuncia dei patti di Bretton Woods fatta il 15 agosto 1971 dal presidente Usa Richard Nixon, quando la Casa Bianca mise fine alla […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.