L’ETICA SECONDO AL CAPONE

«Io sono un delinquente onesto. Non ho mai fatto politica»
(Al Capone, Tribunale di Chicago – 17 ottobre 1931)

Alphonse Gabriel Capone, ex boss della Chicago anni’20, per gli amici Al, era considerato il simbolo della crisi della legalità. Il suo “successo” fu tale che alla sovranità sul crimine potè presto affiancare anche una posizione di supremazia economica e di potere sulle aree di sua influenza. Corruzione e protezione politica gli consentivano di avere agevole accesso agli ambienti istituzionali. Nel 1930 Al Capone, che da poco era entrato nella lista dei maggiori ricercati dell’FBI, fu dichiarato “nemico pubblico numero 1 della città di Chicago. Studiando il modo di neutralizzarlo si dibattè circa l’opportunità di tassare i redditi provenienti da attività illecita. Un pool di agenti federali del Dipartimento del Tesoro si misero alle sue costole analizzando ogni piccolo movimento finanziario sospetto, ma il boss non aveva nulla di intestato, agiva sempre attraverso prestanome e le contabilità illecite erano gestite tramite codici. Sinché non si trovò, per caso, un piccolo fogliettino nel quale era citato il suo nome. Fu la chiave di volta dell’intera operazione. Ottenuto l’avallo legislativo venne allestito un piano accusatorio tradottosi nel rinvio a giudizio per evasione fiscale, con 23 capi d’accusa. La difesa del gangster propose un patteggiamento, che fu però rifiutato dal giudice. Provò allora a corrompere la giuria popolare ma questa fu sostituita la sera prima del processo. Il 17 ottobre 1931, la nuova giuria lo giudicò colpevole e venne condannato a 11 anni.

[Video YouTube da gattus1]

Nel BelPaese del Terzo millennio, la Procura di Roma nell’ambito di uno stralcio dell’inchiesta milanese Mediatrade-Rti sulla compravendita di diritti tv e cinematografici di Mediaset, ha invitato a comparire il “nemico pubblico numero 1” della legalità Silvio Berlusconi, suo figlio Pier Silvio, l’uomo d’affari e produttore egiziano-statunitense Frank Farouk Agrama, Andrea Goretti, Giorgio Dal Negro e Daniele Lorenzano, all’epoca dei fatti manager del gruppo o consulenti, insieme ad altri dirigenti del gruppo Fininvest. Lo stralcio è finito a Roma per competenza territoriale.  Il reato ipotizzato è frode fiscale per 16 milioni di euro in relazione ai bilanci di Rti (società Mediaset), con sede legale a Roma, relativi agli anni 2003-2004. Nell’invito a comparire insieme al figlio, Silvio Berlusconi avrebbe dato “direttive” per mantenere le “relazioni d’affari” con il produttore Agrama “nella fittizia intermediazione” nella compravendita dei diritti tv e cinematografici. La data di comparizione è fissata il 26 ottobre prossimo.

Annunci

2 commenti

  1. […] sulla compravendita di diritti tv e cinematografici di Mediaset (il reato ipotizzato è frode fiscale per 16 milioni di euro in relazione ai bilanci di Rti relativi agli anni 2003-2004), per la dipartita improvvisa del polpo […]

  2. […] le pezze al culo (leggasi sedere per non offendere i più raffinati), debito pubblico da default, corruzione, usura, truffe, speculazioni, affarismi e sprechi diffusi, il Palazzo degli onorevoli privilegiati […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.