FREEDOM FLOTILLA: «OMICIDIO VOLONTARIO»

Un rapporto diffuso dalle Nazioni Unite ha condannato Israele per “omicidio volontario” e “tortura” a seguito dell’aggressione compiuta il 31 maggio scorso  alle navi del convoglio umanitario Freedom Flotilla, in acque internazionali, 65 chilometri al largo delle coste di Gaza, dove erano dirette a portare aiuti umanitari per la popolazione palestinese assediata. Secondo il rapporto di 56 pagine (scaricabile in basso) redatto da tre esperti su incarico di un’indagine ordinata dal Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu, Israele ha fatto uso di violenza senza che ce ne fosse il bisogno.

Mentre le prime 20 pagine del documento illustrano le implicazioni legali delle azioni commesse da Israele, con chiari riferimenti al diritto internazionale e marittimo e a quanto definito dagli Accordi di Oslo, le 36 pagine finali riportano testimonianze degli attivisti presenti sulle navi e dell’equipaggio. Con una chiara ed esplicita condanna delle uccisioni dei 9 civili turchi della Mavi Marmara, uccisioni che gli esperti ONU definiscono paragonabili alle “esecuzioni sommarie”. Il gruppo di esperti ha anche sottolineato che “il blocco di Gaza è illegale e ingiustificabile con la legge”. Il 12 luglio scorso, la commissione IDF Eiland aveva reso pubblico l’esito dell’indagine interna “indipendente” presentata dal Capo di stato maggiore Gabi Ashkenazi, che non raccomandava alcun provvedimento punitivo nei confronti di individui coinvolti nella pianificazione e l’esecuzione dell’operazione, ovviamente assolvendo gli autori della strage.

Il rapporto dell’Onu, redatto dall’ex giudice per crimini di Guerra Desmond de Silva, il giudice Karl T.Hudson-Phyllips e un’avvocato malese attiva in difesa dei diritti delle donne, Mary Shanthi Dairiam, sarà sottoposto ufficialmente al Consiglio Diritti Umani lunedì prossimo. Il presidente turco Abdullah Gul ha ricordato all’Assemblea generale dell’Onu che Ankara attende le scuse pubbliche ufficiali da parte di Israele, per l’assalto banditesco alla Mavi Marmara, come pure il pagamento da parte di Tel Aviv degli indennizzi ai familiari delle vittime.

Report of the international fact-finding mission
to investigate violations of international law,
including international humanitarian and human rights law,
resulting from the Israeli attacks on the flotilla
of ships carrying humanitarian assistance

Annunci

1 commento

  1. […] maggio scorso, nove attivisti turchi della Mavi Marmara vennero trucidati dai miltari israeliani, uccisioni che gli esperti ONU hanno paragonato a “esecuzioni sommarie”. La risoluzione, presentata a nome […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.