L’ITALIETTA DEI RECORD

Il debito pubblico italiano a maggio ha registrato un nuovo incredibile record: 1.827,104 miliardi di euro contro i 1.812,790 miliardi di euro registrati ad aprile (+14,404 miliardi €). Secondo i dati del Bollettino n°35 sulla “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” resi pubblici da Bankitalia SpA, dal dicembre 2009 (1.761,229 miliardi €) il debito pubblico italiano è salito a +65,875 miliardi di euro.

«Nessuna parte politica può sottrarsi alla responsabilità collettiva di alleggerire in modo decisivo e di consolidare il bilancio pubblico riducendo il debito che noi abbiamo accumulato e che è un pesante fardello sulle nostre spalle».

Giorgio Napolitano
Presidente della Repubblica dei Recordman
(Udine, 14 luglio 2010)

Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca, chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori, chi legge la mano, chi regna sovrano, chi suda, chi lotta, chi mangia una volta, chi gli manca la casa, chi vive da solo, chi prende assai poco, chi gioca col fuoco… 

Annunci

2 commenti

  1. […] il netto ricavo per pagare i titoli in scadenza, non si arriverà mai ad estinguere od abbassare il debito pubblico che, proprio per questo motivo, nonostante tutti i proclami compreso quelli autorevolissimi del […]

  2. […] venendo così meno allo Stato un utile introito per potere rimborsare e/o ridurre quel macigno del debito pubblico fraudolento che  dovrebbe essere la principale preoccupazione di qualsiasi governo, poiché esso […]


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.