LA PAROLA D’ORDINE E’ MENTIRE

In Italia non sei nessuno se non t’intercettano. Sono state intercettate le telefonate di veline e mafiosi, politici e presunte massaggiatrici, e perfino quelle di un corista del Vaticano che procurava incontri omosessuali a un alto funzionario pubblico. Anche il presidente del consiglio Silvio Berlusconi è spesso protagonista di intercettazioni che arrivano ai giornali con preoccupante regolarità. Nel 2007 è stato sorpreso al telefono con un dirigente della Rai mentre dava dello “stronzo” a un politico del centrodestra e raccomandava un’attrice. Evidentemente Berlusconi non è contento.

Per arginare imbarazzanti fughe di notizie il governo ha promosso un disegno di legge che limita decisamente la possibilità dei magistrati di disporre le intercettazioni e quella dei giornalisti di diffonderne i risultati. C’è, però, chi teme che questa legge, oltre che tenere i politici lontani dalle pagine della stampa scandalistica, permetterà ai mafiosi di rimanere fuori di prigione. Secondo i procuratori antimafia e antiterrorismo, le nuove disposizioni ostacoleranno le indagini. E secondo i giornalisti sarà la fine della libertà di stampa, visto che il testo di legge prevede sanzioni molto severe per chi diffonde materiale intercettato. “Il problema esiste ma, a mio avviso, la soluzione è sbagliata“, dichiara il politologo Roberto D’Alimonte. “Ottenere intercettazioni ora è troppo facile, ma con la nuova legge diventerà troppo difficile“.

Molti riconoscono la necessità di controllare le fughe di notizie ma, allo stesso tempo, considerano questa legge come l’ennesima legge ad personam di Berlusconi. Il disegno di legge languiva in parlamento da un anno e il governo ha intensificato gli sforzi per approvarlo prima di quello sulla corruzione, un reato contro il quale le intercettazioni si sono dimostrate determinanti.

Inoltre, le intercettazioni sono al centro di un’inchiesta in corso sull’assegnazione irregolare di appalti pubblici che ha già fatto cadere un ministro, ha screditato il capo della protezione civile, Guido Bertolaso, e sembra destinata ad allargarsi. Secondo il ministero della giustizia, nel 2009 sono stati sorvegliati più di 112mila telefoni e 13mila luoghi, un record in Europa. “Le intercettazioni sono diventate lo strumento più importante contro molti reati: corruzione, mafia, terrorismo, crimini economici“, sostiene il procuratore di Milano, Armando Spataro. Anche se la cultura italiana delle intercettazioni facili e veloci non potrebbe mai funzionare negli Stati Uniti – dove, prima di sorvegliare un telefono, i procuratori devono dimostrare di avere prove sufficienti del fatto che è stato commesso un reato – il sistema italiano ha alcuni importanti sostenitori a Washington. Il sottosegretario alla giustizia statunitense Lanny Breuer si è detto preoccupato per l’impatto della legge sulle indagini di mafia e terrorismo svolte in collaborazione tra le autorità americane e italiane.

Secondo il testo di legge, le intercettazioni devono essere approvate da tre giudici e possono durare 75 giorni. Serviranno autorizzazioni speciali per intercettare i telefoni dei parlamentari e dei preti. Stataro sostiene che limitare le intercettazioni a 75 giorni è “illogico” ma riconosce che si è abusato dell’attuale sistema. “Penso che sia stata fatta troppa pubblicità e cose che non erano importanti per le indagini“, dice.

 

In effetti, grazie alle intercettazioni negli ultimi mesi gli italiani sono venuti a sapere di Monica, la massaggiatrice brasiliana di Bertolaso (che si è paragonato a Bill Clinton, affermando che entrambi avevano avuto problemi con una Monica). I critici del provvedimento ribattono che le violazioni della privacy sono già vietate e punite dalla legge. Anche se ammettono che viene applicata raramente.

da Rachel Donadio, THE NEW YORK TIMES

[Video YouTube da snaplinx]

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • RSS QUOTIDIANO RINASCITA

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.